Scuole di Cesena plastic free: consegnate 18.000 borracce

Scuole di Cesena plastic free: consegnate 18.000 borracce

In arrivo anche 90 erogatori e compostaggio dei rifiuti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

CESENA – Scuole di Cesena sempre più plastic free. Scatta questa mattina, infatti, dalla primaria Salvo D’Acquisto e dall’Istituto tecnico commerciale Renato Serra la consegna agli studenti di 18.000 borracce in metallo; mentre 90 erogatori d’acqua saranno installati in tutte le scuole della città di Cesena che hanno aderito all’iniziativa di Unica Reti. L’obiettivo, commenta l’assessore alla Sostenibilità ambientale Francesca Lucchi, è la “massima riduzione dei rifiuti nelle scuole del nostro territorio”.

E infatti l’amministrazione sta vagliando altri interventi, dalla sostituzione dei fazzoletti con asciugamani automatici ad aria, al rinnovo dei contenitori della raccolta differenziata. E per i distributori di bevande calde un bicchiere personale. “Particolare attenzione”, prosegue Lucchi, va alle mense. In tutte le scuole verrà adottato il modello della scuola primaria “la Fiorita” che con 10 classi e 170 bambini ha avviato il compostaggio dei rifiuti. D’altronde, sottolinea, “l’educazione nelle scuole è fondamentale per portare questi temi nelle pratiche quotidiane delle famiglie.

La borraccia è stata distribuita anche ai dipendenti comunali e sono stati installati sei erogatori d’acqua nei palazzi pubblici. Unica Reti, chiosa l’amministratore unico Stefano Bellavista, “promuove un progetto per la sensibilizzazione sui temi dell’acqua pubblica di rete e sul plastic free”. L’intervento destinato ai 30 Comuni soci è rivolto agli studenti delle scuole elementari, medie e superiori e al pubblico delle biblioteche e prevede appunto l’installazione di erogatori d’acqua e la distribuzione di borracce in metallo per gli studenti, oltre a interventi tematici e conferenze spettacolo.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it