Justin Timberlake rompe il silenzio e si scusa con la moglie Jessica Biel

l’ex ‘N Sync ha condiviso su Instagram un lungo post di scuse indirizzato principalmente a sua moglie e suo figlio
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Successivamente allo scandalo della scorso mese scaturito da alcune foto in cui si trovava in atteggiamenti intimi con la sua collega Alisha Wainwright, Justin Timberlake ha finalmente rotto il silenzio e parlato dell’accaduto.

Il cantante di ‘Cry me a river’, si è infatti scusato pubblicamente con la moglie e mamma di suo figlio di quattro anni, Silas, e per farlo ha utilizzato uno dei social più seguiti al mondo, Instagram.

Proprio sette ore fa, l’ex ‘N Sync ha condivido con i suoi 56,8 milioni di follower un lungo post di scuse indirizzato principalmente a sua moglie e suo figlio.

“Ho cercato di stare il più lontano possibile dai gossip, ma per il bene della famiglia è ora necessario che io chiarisca quanto accaduto. Qualche settimana fa sono esplosi dei rumors, ma lasciate che sia chiaro, niente è mai accaduto tra me e la mia collega,” ha affermato il cantante trentottenne.

Per poi continuare: “Sicuramente avevo bevuto molto quella sera e mi pento profondamente del mio comportamento. Ci avrei dovuto pensare. Questo non è il tipo di comportamento che vorrei che mio figlio seguisse”.

La pop star, ha poi concluso con una serie di sentite scuse nei confronti della moglie e della sua famiglia.

“Mi scuso con la mia favolosa moglie e con la mia famiglia per averli messi in una situazione così spiacevole, il mio unico obiettivo ora, è quello di essere il miglior marito e padre possibile”.

Alisha Wainwright invece, co-star di Justin nel film ‘Palmer ’diretto da Fisher Evans, non ha ancora parlato in prima persona dell’accaduto.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Sausan Khalil
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it