VIDEO| Young Kali: "La mia musica è frutto di sperimentazione"

VIDEO| Young Kali: “La mia musica è frutto di sperimentazione”

L'intervista all'artista romano
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Sono le piccole cose che rendono speciale ogni esperienza. Un colore, una sfumatura.

Lo sa bene Young Kali, cantautore romano classe 1995 che proprio grazie a una sfumatura della sua voce ha capito di voler rivoluzionare ogni cosa. Così dalla trap che è stata la partenza della sua carriera, Simone (questo il suo vero nome) si è pian piano allontanato. Della scoperta di se stessi e dei nuovi pezzi, Young Kali ha parlato ai nostri microfoni. Ecco l’intervista.

Nella produzione di Young Kali, il passaggio di genere non sembra forzato. Gli ultimi singoli, “Borderline” e “Piccole cose”, segnano solo l’inizio di quella che sarà la musica di Simone d’ora in poi. “Venivo da un anno di sperimentazione musicale insieme ai miei produttori, il Mago del Blocco e Mark Ceiling – ci ha raccontato Young Kali – e da un progetto diverso dalla trap che facevo. Piano piano abbiamo sperimentato ed è uscita Borderline. È stato un cambiamento lungo almeno un anno. Ho capito che potevo fare altro e potevo fare meglio”.

Simone, da anni, fa parte della BPR Sqvad, crew protagonista della nuova scena dell’underground romano e si è fatto notare per alcuni singoli molto particolari come “Mago del blocco”, “Piccolo Principe” con OG Eastbull. Il suo nome d’arte deriva da quello dell’omonima arte marziale che pratica.

Con i suoi produttori di sempre, Young Kali sta lavorando a nuovi pezzi. Presto uscirà anche un disco.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it