Presentati i 20 finalisti dell'Italian Teacher Award

Presentati i 20 finalisti dell’Italian Teacher Award

La vice ministra Ascani: "Docenti figure fondamentali della società"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Nella scuola primaria ‘San Giovanni Bosco’ di Sassuolo, ogni porta è dipinta con un paesaggio italiano, e i piccoli alunni allestiscono mostre di artisti contemporanei. Nella scuola media ‘Luca Veneziano’ di Tortona, il professore Diego Parodi ha aiutato i ragazzi a sviluppare un progetto didattico del nuovo Ponte Morandi. E poi ancora un tetto verde in un liceo della periferia romana e una fiaba per trovare un talento in ogni bambino. Sono alcuni tra i 20 progetti finalisti di ‘Atlante – Italian Teacher Award’, presentati questa mattina nella sala stampa della Camera, a Roma, con la vice ministra del ministero dell’istruzione Anna Ascani. 20 idee sviluppate dagli insegnanti di tutta Italia che si sono distinti per innovazione didattica e originalità.

“L’investimento sugli insegnanti non è mai sufficiente- ha commentanto Anna Ascani all’agenzia di stampa Dire– Quello che stiamo facendo è cambiare passo anche rispetto alla considerazione della figura dell’insegnante, per troppo tempo considerato un impiegato pubblico tra gli altri. Adesso, invece, deve essere considerata la figura fondamentale di una società che vuole investire in conoscenza”.

Più di 600 i progetti che hanno partecipato alla seconda edizione del premio, che punta ad essere anche un volano di sviluppo e di diffusione delle buone pratiche scolastiche.

“Abbiamo bisogno di far capire che il ruolo degli insegnanti è fondamentale, anche se non vengono mai valorizzati a sufficienza- ha aggiunto l’onorevole Alessandro Fusacchia– Gli insegnanti sono fondamentali perché preparano le nuove generazioni a crescere in un mondo sempre più difficile e complesso e quindi dobbiamo investire su di loro”.

In Italia, però, la spesa per l’istruzione è solo il 7,9% del pil (media Ue 10,2%), come ha ricordato il giornalista Gianni Giovannetti, presidente della giuria del premio.

“Nel selezionare i progetti ho scoperto un Paese che crede negli insegnanti e dei loro alunni- ha aggiunto- C’è un mondo che non appare. Che non viene alla luce. Progetti che portano avanti valori come umanità e accoglienza. Una straordinaria normalità che emerge in un tempo in cui l’Italia sta attraversando un momento in cui sembrano vacillare una serie di certezze valoriali”.

Tra i tanti progetti, ad esempio, nella scuola media ‘Darsena’ di Ravenna, Annibale Guarini ha creato un laboratorio in cui gli alunni riparano gratuitamente le biciclette. La professoressa Patrizia Chielini, invece, ha fatto nascere nella sua scuola, la ‘Corrado Melone’ di Ladispoli, una rete di protezione per contrastare il bullismo e il cyberbullismo. Luca Murri Fabiani, docente di cinema, ha realizzato con gli studenti un cortometraggio sui pregiudizi legati al mondo del carcere.

“È importante valorizzare gli insegnanti non solo dal punto di vista economico- ha commentato Luigi Gallo, presidente della commissione Cultura, Scienza e Istruzione– I docenti sono la spina dorsale che costruisce lo sviluppo del Paese”.

I progetti migliori verranno premiati il 13 gennaio. I 4 docenti vincitori avranno l’opportunità di andare a New York per un viaggio in cui potranno visitare le più interessanti innovazioni didattiche.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it