Roma, un nuovo giardino per il liceo 'Gullace'

Roma, un nuovo giardino per il liceo ‘Gullace’

L'aerea verde come punto di congiunzione tra scuola e quartiere
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Un giardino per coltivare i talenti delle ragazze e dei ragazzi”.

Con questa metafora Elena De Santis, assessora alla Scuola, Cultura, Sport e Politiche Giovanili del VII Municipio, ha descritto il giardino degli studenti e delle studentesse del liceo ‘Teresa Gullace’, il nuovo spazio verde per le attività scolastiche e del quartiere inaugurato nei pressi del liceo.

“Come assessorato stiamo lavorando per costituire una comunità educante diffusa del VII Municipio- ha spiegato Elena De Santis– vorremmo che le scuole, in quanto presidio educativo e culturale a 360 gradi, non solo per le attività curricolari ma anche extrascolastiche, rappresentino davvero un punto di riferimento per il quartiere, dove si fa cultura valorizzando l’entusiasmo delle giovani generazioni”.

Il giardino si trova in un’area verde di via Giuseppe Saredo che era in stato d’abbandono. Grazie al progetto ‘Get Up’, stimolando una collaborazione intergenerazionale fra ragazze e ragazzi della scuola e volontari del quartiere, il giardino è stato rimesso a nuovo e reso uno spazio adatto ad ospitare molteplici attività. Come hanno spiegato due ragazzi, qui si terranno le assemblee d’istituto, ma anche attività artistiche, laboratori teatrali e attività collettive legate al territorio, proprio per rinsaldare il legame fra scuola e quartiere e fra le diverse generazioni.

“Si tratta di una vera palestra di cittadinanza attiva e educazione civica- ha concluso De Santis– che è la dimensione prettamente politica, in senso etimologico, che è giusto che le ragazze e i ragazzi acquisiscano durante la scuola superiore verso la maturità”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it