Tra passato e presente Tommaso Paradiso canta "I nostri anni"

Tra passato e presente Tommaso Paradiso canta “I nostri anni”

La canzone è la seconda anticipazione del primo disco da solista del cantautore
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA –  È fuori da oggi su tutte le piattaforme “I nostri anni”, il nuovo singolo di Tommaso Paradiso. Il secondo della carriera da solista dopo “Non avere paura”. La canzone anticipa, infatti, il disco di debutto del cantautore senza i Thegiornalisti, “Sulle nuvole”.

Tra passato e presente, Tommaso regala un racconto intriso di nostalgia in grado di far ridere e commuovere ancora, dove si trovano i segni del passato uniti ad alcune figure simbolo che incrociano cultura pop e filosofia, da Alberto Sordia Kant. 

Il testo

[Strofa 1]
Eravamo così belli o almeno ci sembrava
Ed un giorno normale era sempre un giorno speciale
Con la riga di lato e sogni oltre l’aldilà
Facevamo le conte, i pensieri nel dettato
E le notti studiare canto e matematica
Con le spalle scoperte e la musica di mamma e papà
Roma, il sistema solare e il cuore chiuso nella pelle
Cosa, cos’è che ci fa sentire ancora sulle stelle?

[Ritornello 1]
Ma è chiaro che siamo noi
Ma è chiaro che siamo
I biscotti inzuppati nel latte
Con i discorsi dopo mezzanotte
E ci ridiamo ancora
E ci piangiamo ancora qua

[Strofa 2]
Mannaggia la Befana
Ma quanto ti ho voluto bene
Te ne voglio sempre di più
Se chiudo gli occhi vorrei crollarti addosso
Roma, le fontane scheggiate, Alberto Sordi nelle tempie
Cosa, cos’è che ci fa sentire polvere di stelle?

[Ritornello 2]
Ma è chiaro che siamo noi
Ma è chiaro che siamo
I biscotti inzuppati nel latte
Con i discorsi dopo mezzanotte
E ci ridiamo ancora
E ci piangiamo ancora qua
E non c’è un’altra cosa più vera
E più bella di questa
Fanculo tutto, questi sono i nostri anni
I nostri anni
Questi sono i nostri anni
I nostri anni
Questi sono i nostri anni
I nostri anni
Questi sono i nostri anni
I nostri anni
Questi sono i nostri

[Bridge]
I biscotti inzuppati nel latte
Con i discorsi dopo mezzanotte
E ci ridiamo ancora
E ci piangiamo ancora qua
E non c’è un’altra cosa più vera
E più bella di questa
Fanculo tutto, questi sono i nostri anni

[Outro]
I nostri anni
Questi sono i nostri anni
I nostri anni
Questi sono i nostri

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Giusy Mercadante
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it