La pirateria audio, video, tv: multe salate

La pirateria audio, video, tv: multe salate

'Peer say no' contro la pirateria informatica
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La pirateria in campo musicale e video è uno dei fenomeni più diffusi nel mondo e il nostro Paese non si dissocia dagli altri. Una canzone, un video musicale, un film sono protetti dal diritto d’autore, ma quando vengono scaricati e riprodotti senza le opportune licenze, senza i regolari permessi da parte di chi detiene i diritti, subiscono un atto di pirateria e chi lo commette incorre nelle sanzioni. Internet è il principale veicolo di tale pratica, grazie ad alcuni siti web che, violando qualsiasi autorizzazione e senza pagare i diritti a chi detiene la proprietà, diffondono prodotti di qualsiasi tipo, come nel caso dei protocolli IPTV, che danno modo di vedere via web canali televisivi a pagamento, illegalmente. Chi diffonde audiovisivi in pubblico, è perseguibile sia penalmente sia in sede civile e lo stesso capita a chi lo fa in privato, sanzionato e condannato alla confisca del materiale.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it