La regina Elisabetta "accontenta" Harry e Meghan ma non del tutto

La regina Elisabetta “accontenta” Harry e Meghan ma non del tutto

Ancora tante le domande senza risposta
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La regina Elisabetta porge il ramoscello d’ulivo al nipote Harry e alla moglie Meghan. Alla riunione di famiglia tanto attesa, la sovrana ha approvato la decisione del secondogenito di Carlo e Diana di diventare indipendente.

“La mia famiglia ed io – si legge nel comunicato ufficiale rilasciato ieri in serata – supporteremo il desiderio di Harry e Meghan di creare una nuova vita per la loro giovane famiglia“. Certo, tra le parole di Elisabetta, si legge non poco rammarico: “Avremmo preferito che rimanessero membri della Royal Family a tempo pieno ma capiamo e rispettiamo la loro volontà di vivere in maniera più indipendente”. Nel comunicato non è spiegato molto altro. Come si manterranno i due coniugi per esempio, se manterranno il loro titolo nobiliare.

I CONTI IN TASCA A HARRY E MEGHAN

L’unica certezza è il periodo di transizione che Harry e Meghan dovranno affrontare. Inizialmente, infatti,  “i Sussex  si divideranno tra Canada e UK”.

Secondo i rumors, Harry avrebbe incontrato la nonna due ore prima della riunione al castello di Sandringham per spiegare le sue ragioni. Da parte sua, Elisabetta – che dal 1949 alla morte del padre, il 6 febbraio 1952 ha vissuto a Malta, lontana da ogni impegno reale – conosce la sensazione di libertà e indipendenza e potrebbe essersi messa nei panni del nipote. Difficile dire quanto durerà il periodo di transizione e quanto Harry potrà vivere distaccato dalla Royal Family. La questione non è ancora definita. Lo sarà nei prossimi giorni. La saga perciò continua. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it