RECENSIONE| Jojo Rabbit: possiamo essere eroi o favorire l'odio

RECENSIONE| Jojo Rabbit: possiamo essere eroi o favorire l’odio

Il film diretto da Taika Waititi arriva oggi al cinema
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Oggi arriva al cinema il candidato agli Oscar 2020, Jojo Rabbit. Il film di Taika Waititi ha ricevuto 6 candidature agli Academy Award: Miglior film, Miglior attrice non protagonista a Scarlett Johansson, Miglior sceneggiatura adattata, Miglior montaggio, Migliori costumi e Migliori scenografie. Un traguardo inevitabile per un film di tale originalità e qualità.

Attraverso gli occhi innocenti di Jojo Betzler (Roman Griffin Davis), il regista ci fa riscoprire gli orrori del nazismo portando sul grande schermo un ritratto satirico, drammatico e fiabesco della Seconda Guerra Mondiale. Anche se siamo nella Germania del 1945 il film racconta una storia attuale che mette in evidenza quanto ancora oggi l’odio e l’intolleranza siano radicati in tutte le società. Il protagonista è Jojo: un bambino di 10 anni impacciato e timoroso. Per questo viene chiamato “Jojo coniglio” dai compagni del campo di addestramento per giovani nazisti. Per cercare di affrontare un mondo che gli sembra sempre ostile, il ragazzino si rivolge al suo amico immaginario, che ha il volto di Adolf Hitler (Waititi): di lui il regista ne fa un ritratto beffardo per sottolineare – più di quanto non lo faccia già la storia raccontata nel film – la sua presa di posizione, attraverso la satira, contro le barbarie del nazismo, attingendo dalla sua personale eredità ebraica e alle sue esperienze di vita circondate da pregiudizi.  Attraverso l’amicizia con Elsa (Thomasin McKenzie), una ragazza ebrea che sua mamma (Scarlett Johansson) nasconde in soffitta, Jojo comincia a porsi molte domande sulla legittimità di quanto gli viene insegnato a scuola e nel campo di addestramento. Tra i due nasce un bellissimo rapporto che porta il ragazzino a guardare con altri occhi quanto sta succedendo intorno a lui e a dubitare sulla bontà degli insegnamenti che riceve sul credo politico. Quando capisce che per essere un perfetto nazista deve uccidere cambia strada. Sulle note della versione tedesca di Heroes di David Bowie, Jojo sceglie di essere ‘eroe’.

Sceneggiatura impeccabile e regia strepitosa. Questo è uno di quei film belli, originali e potenti che tutti (di qualsiasi età) dovrebbero vedere. La storia ti sconvolge e ti coinvolge: ci sono momenti in cui si ride e si piange e momenti che mozzano il fiato come un pugno nello stomaco.

A rendere ancora più accattivante il film ci pensa il cast: in particolar modo Scarlett Johansson, candidata (non a caso) agli Academy Award 2020 come Miglior attrice non protagonista, che nel film interpreta la mamma di Jojo. Lei è il perfetto tocco ‘rosa’ del film. Quando entra in scena con la sua dolcezza riesce a cancellare il terrore di quel tempo. L’unica nota stonata del film è il poco spazio che la storia ha dato al personaggio della Johansson.

#JojoRabbit

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it