Calabria, consulte studentesche al fianco del procuratore Gratteri

Calabria, consulte studentesche al fianco del procuratore Gratteri

Il coordinamento regionale sostiene il magistrato con un comunicato
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il sostegno al procuratore della Repubblica di Catanzaro Nicola Gratteri arriva per voce della responsabile regionale delle Consulte studentesche calabresi Franca Falduto, che afferma: “Abbiamo percorso chilometri ed esposto tanti striscioni nei mille cortei che ci hanno visto protagonisti nel promuovere iniziative e ricordare accadimenti per far riflettere sulla complessità del principio di legalità, ma soprattutto sul suo sviluppo concreto nella vita di ognuno di noi presupponendo l’assunzione della responsabilità di rispettare e far rispettare le regole fondamentali della civile convivenza di una comunità, sia essa scolastica, familiare o di qualunque altro tipo”.

Legalità e giustizia, spiega Falduto, hanno infatti rappresentato per le consulte – organismo di rappresentanza del mondo studentesco che vide la luce con un decreto del presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi – linfa vitale per i tanti giovani che sono cresciuti attraverso l’esercizio del loro mandato in Calabria. Per questo oggi sostengono “il percorso professionale coraggioso del procuratore Nicola Gratteri e di chi lo affianca da oltre un ventennio”, da sempre un argine allo strapotere mafioso e al dilagare di metodi clientelari e corrotti nella gestione della cosa pubblica e nella classe politica deviata.

Gratteri rappresenta un modello positivo per i giovani, con il suo caratteristico stile comunicativo fatto di messaggi chiari, sempre in equilibrio tra provocazione e severità, alla portata del pubblico variegato che vive nelle scuole italiane. “Parole che- conclude Falduto- negli anni hanno rappresentato per molti un viatico luminoso sulla scia della legalità che è anche libertà, ovvero il bene più prezioso per ognuno di noi ed anche per coloro che non ci sono”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it