Che cos'è il coronavirus, il virus misterioso che si sta diffondendo in Cina

Che cos’è il coronavirus, il virus misterioso che si sta diffondendo in Cina

Il virus appartiene alla famiglia dei coronavirus, di cui fanno parte anche SARS e MERS
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Si chiama 2019-nCov e, al momento, è responsabile della morte di almeno 6 persone. Il virus misterioso proveniente dalla Cina, un nuovo tipo di coronavirus, ha già contagiato oltre 200 persone, ma si sospettano molti più casi collegati.

La Corea del Sud ha confermato il suo primo caso, altri due in Thailandia e uno in Giappone.

L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) sta valutando la possibilità di dichiarare un’emergenza sanitaria pubblica internazionale, come fatto in precedenza l’influenza suina e l’ebola.

Il focolaio sarebbe un mercato del pesce di Wuhan, città della Cina orientale. I primi casi documentati provengono da persone che vi hanno fatto acquisti o lavorato. Si sospetta che l’agente patogeno sia stato trasmesso all’uomo da animali vivi venduti al mercato.
Recentemente è stato confermato il contagio tra esseri umani.
Come spiegato dall’OMS, i sintomi comuni includono difficoltà respiratorie, febbre, tosse, respiro corto. Nei casi più gravi, l’infezione può causare polmonite, sindrome respiratoria acuta grave, insufficienza renale e persino la morte.

Che cos’è il cornavirus

I coronavirus sono una grande famiglia di virus che causano malattie respiratorie. Ne fanno parte i virus della SARS (sindrome acuta respiratoria grave) e la MERS (sindrome respiratoria mediorientale), nonché i virus che causano malattie più lievi.
Prendono il nome dalle spicole che formano una corona sulla loro superficie.

Molti coronavirus come la SARS e la MERS sono zoonotici, ossia vengono trasmessi tra animali e persone. Diverse specie di pipistrello sono state identificate come riserve naturali di alcuni coronavirus, oltre che di altri agenti patogeni.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it