Al via Unesco Edu: giovani promotori di sostenibilità

Al via Unesco Edu: giovani promotori di sostenibilità

A Isernia la presentazione del programma
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ISERNIA – Giovani promotori di sostenibilità capaci di attuare le trasformazioni in atto, partendo dalle proprie radici e dai propri territori per mettere le ali e superare limiti e confini. È questo l’obiettivo di Unesco Edu il progetto presentato oggi a Isernia e nato dalla collaborazione tra l’associazione italiana giovani per l’Unesco (AIGU) e il ministero dell’Istruzione per portare i valori Unesco in tutte le scuole d’Italia.

Promosso dal dipartimento per le politiche giovanili e il servizio civile universale della presidenza del consiglio dei ministri, l’iniziativa coinvolgerà istituti scolastici in tutta Italia attraverso laboratori progettuali dove protagonisti saranno i giovani. L’evento nazionale di lancio all’auditorium di Isernia è stato organizzato dall’ufficio scolastico regionale per il Molise e ha riunito 600 studenti di tutta la regione. In un auditorium gremito si sono alternati sul palco i rappresentanti delle istituzioni e i referenti dell’Aigu.

Focus di Unesco Edu sono i 17 obiettivi di sviluppo sostenibile dell’agenda 2030: attraverso l’approfondimento dei goals i giovani avranno modo di affrontare tematiche attuali che riguardano tutti. Ad aprire la mattinata il messaggio di saluto inviato dalla ministra dell’istruzione Lucia Azzolina e il video del ministro per le Politiche Giovanili e lo Sport Vincenzo Spadafora che hanno sottolineato l’importanza del progetto e il pieno sostegno all’iniziativa. Tra i presenti anche il sindaco d’Isernia Giacomo d’Apollonio che ha ricordato la candidatura della città a capitale della cultura 2021: “Ha stimolato la nostra positività che non si vedeva da tantissimo, ci dobbiamo credere fino in fondo”, ha detto il sindaco.

Presente anche Rosa Alba Testamento, componente della commissione cultura e istruzione della camera dei deputati: “Qui oggi si parla di futuro, della necessità di un impegno comune, per cambiare in meglio la nostra società facendo leva sulla conoscenza”.


Ad entrare nel vivo delle iniziative che verranno realizzate con Unesco Edu è stato l’intervento di Simona Ferrante, vice presidente AIGU che oltre ad aver spiegato gli argomenti e le azioni ha ricordato quanto sia importante ripartire dai territori, valorizzarli, dargli voce e unire le forze tutti insieme.


Tra i vari interventi sul palco si è esibita la Epic Music Orchestra – nata da un collettivo di artisti tutti docenti delle scuole – che attraverso la musica ha voluto parlare di cultura e bellezza.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Giusy Mercadante
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it