Sport equestri, arriva 'Equimparare' promosso da Fise e istituto 'Sereni' di Roma

Sport equestri, arriva ‘Equimparare’ promosso da Fise e istituto ‘Sereni’ di Roma

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il contatto diretto con i cavalli, lo dice la scienza, produce effetti benefici al corpo e alla mente, specie nei più piccoli che spesso si dimostrano maggiormente ricettivi agli stimoli di questo animale. Nasce da queste premesse ‘Equimparare. Conoscere e avvicinare il pony nelle scuole primarie e secondarie di I grado’. L’istituto ‘Emilio Sereni’ di Roma è capofila di questo progetto che darà la possibilità a studenti e studentesse di fare esperienza nel mondo dei pony e degli sport equestri in un programma didattico.

Il protocollo è stato firmato tra l’istituto romano e la Fise, in particolare con il dipartimento formazione della federazione degli sport equestri, e tiene conto delle linee guida del ministero dell’Istruzione per quanto concerne la promozione della pratica sportiva nelle scuole attraverso l’ampliamento dell’attività motoria, anche in collaborazione con le federazioni sportive.

“Voce del Verbo Equimparare- fanno sapere dalla Fise– intende promuovere e trasmettere, attraverso gli istituti scolastici, una particolare modalità di relazione con gli animali, e nello specifico con il pony e il suo ambiente, poiché è sul rispetto per le diversità che si basano tutte le buone relazioni. Attraverso lo studio e la conoscenza del linguaggio non predatoriale ed il contatto fisico con l’animale si attivano emozioni straordinarie”.

Il percorso didattico si articola in tre unità, per ogni classe che partecipa al progetto, di cui la prima da svolgersi a scuola e rivolta agli insegnanti, la seconda e la terza unità riservate agli alunni, da effettuare in un centro equestre.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it