Napoli, galleria d'arte mette insieme i lavoratori della cultura

Napoli, galleria d’arte mette insieme i lavoratori della cultura

Uno spazio di condivisione per imprenditori del settore
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Mettere insieme i migliori talenti di Napoli per condividere esperienze, competenze e riuscire ad attivare un percorso virtuoso tra i giovani lavoratori e lavoratrici dell’arte e della cultura. Questo lo scopo dell’evento organizzato alla galleria d’arte ‘Spazio Nea’.

“L’idea nasce dall’esigenza di creare un network tra i giovani che lavorano nell’ambito della cultura sul territorio- ha detto Franscesco Carignani, organizzatore dell’evento– vedersi nel dopolavoro è anche un modo per creare contatti e progetti che spingono i nostri ragazzi e ragazze a rimanere nella loro città, Napoli”.

Quello allo spazio Nea non è la prima iniziativa che cerca di legare il mondo culturale napoletano; Gino Solito, imprenditore della cultura che ha investito nella galleria d’arte di piazza Bellini, sostiene fortemente questo modo di fare impresa:

“Credo che Napoli sia davvero pronta per fare della cultura una risorsa importante che, al di là di ogni retorica estetica, possa tradursi in posti di lavoro. Noi allo Spazio Nea ne siamo testimoni da oltre dieci anni”.

Un’opportunità di lavoro e di crescita professionale che può secondo gli organizzatori, contrastare quel fenomeno di forte emigrazione dal Sud Italia dovuto all’altissimo tasso di disoccupazione. La chiave sarebbe dunque quella di mettere insieme imprenditori e imprenditrici, giovani e non, per sviluppare un nuovo modo di impresa smart e sostenibile. Alla domanda su quale sia il segreto per diventare imprenditori e imprenditrici della cultura, Solito non ha dubbi:

“la perseveranza innanzitutto, mi rendo conto che all’inizio si possa pensare, banalmente, che con la cultura non si mangia ma con molta pazienza si possono raccogliere i frutti di un potenziale immenso”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it