Catania, Don Ciotti in visita all'istituto 'Vaccarini'

Catania, Don Ciotti in visita all’istituto ‘Vaccarini’

L'incontro con gli studenti in vista del 21 marzo
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

CATANIA – Circa duecento persone fra studenti e docenti dell’istituto di istruzione superiore ‘Vaccarini’ di Catania hanno incontrato stamane Don Luigi Ciotti, nel corso di una manifestazione organizzata dalla scuola e da Libera, in vista della XXV Giornata della memoria e dell’impegno in ricordo delle vittime della mafia che si terrà a Palermo il 21 marzo.

Il presidente di Libera è stato accolto dalla dirigente scolastica Salvina Gemmellaro, dagli insegnanti della scuola e dagli studenti: in un’aula magna colma, Don Ciotti ha risposto alle domande dei ragazzi. Dal significato dell’impegno ai suoi modelli d’azione sociale, dal valore della memoria e al senso della vita per aiutare gli altri, i quesiti sono stati affrontati in un clima di grande partecipazione, in una sala che ha ricordato con disegni, foto e composizioni di vario tipo uomini e storie di contrasto alle mafia, da Peppino Impastato a Carlo Alberto Dalla Chiesa, da Don Diana a Pippo Fava.

Don Ciotti ha ricordato, in particolare, le figure delle vittime di Cosa Nostra come Roberto Antiochia e Beppe Montana, uomini delle forze dell’ordine uccisi dalla mafia nell’estate del 1985. “Il tema delle mafie, della corruzione, della violenza- ha detto Don Ciotti- non è un tema solo nostro, è un tema del nostro pianeta. Certo da noi le nostre mafie hanno fatto scuola. È 165 anni che in Italia parliamo di mafie, vi pare possibile?”.

Nelle parole del presidente di Libera si è sottolineato il valore della vita, come testimoniato dall’idea del Giardino delle Giuste e dei Giusti in onore delle vittime delle mafie, come Rita Atria, Antonio Montinaro, Saveria Antiochia, Roberto Antiochia, Vito Schifani, Felicia Impastato. Don Ciotti ha insistito sulla necessità di promuovere “la scuola, l’università, la ricerca”, per combattere le radici della criminalità. Martedì prossimo, 25 febbraio, il presidente di Libera tornerà a Catania e nel pomeriggio sarà ospite della parrocchia Resurrezione del Signore nel quartiere di Librino.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Redazione Diregiovani
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it