Sanremo, la musica e l'amore che salva. Michele Bravi si racconta

Sanremo, la nuova musica e l’amore che salva. Michele Bravi si racconta

Il cantante è stato intervistato da Vanity Fair
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Ricomincia da un nuovo album la carriera di Michele Bravi e una serie di brani che raccontano gli ultimi due anni. Le allucinazioni, la paura di impazzire, il buio. Uno di questi pezzi è “Mantieni il bacio”, canzone che, tra l’altro, il cantautore aveva presentato all’edizione 2020 del Festival di Sanremo. Come sappiamo, però, Amadeus non ha ammesso il brano in gara. Come l’ha presa Michele? Non male come ci si aspettava, come ha sottolineato in un’intervista a Vanity Fair.

“Probabilmente- ha spiegato- sarebbe stato più difficile farlo che non farlo. C’è un dispiacere personale, non professionale. Per me dire a qualcuno di mantenere il bacio è riassumere nella maniera più potente quello che mi è stato suggerito per mesi, la forma più sintetica della salvezza al dolore. Avrei solo voluto dire quella cosa, a tante persone“.

Nel percorso verso la salvezza è stata una persona importante ad aiutare Bravi, un ragazzo: “È stato lì con me e mi ha fatto capire la responsabilità di dover risolvere un dolore del genere. Mi ricordo che ho provato moltissima rabbia. Pensavo non potesse capire. E oggi mi chiedo cosa mi sarebbe successo se non mi avesse obbligato”. 

Michele Bravi - Il Diario Degli Errori (Sanremo 2017)

Il 22 novembre 2018, Michele ha causato un incidente che ha fatto perdere la vita a una motociclista di 58 anni. La prossima udienza è fissata per l’11 marzo. Bravi ha chiesto di patteggiare 18 mesi.

Il 20 marzo uscirà “La geografia del buio”, il terzo disco di inediti di Michele. Lestetica del nuovo lavoro si sviluppa in una sequenza di immagini oniriche e surreali, allucinazioni, che Michele racconta attraverso le parole e la musica. Si susseguono suggestioni evocative che rimandano a una realtà stravolta e a un profondo dolore che avvolge, immerge e nasconde ogni cosa come una profonda coltre di nebbia.

Il concept dell’album è caricato di grande drammaticità, è come se la realtà si palesasse sotto forma di rappresentazione teatrale, dove la separazione tra spettatori e attori è un limite invalicabile. Il preorder e il preadd è già disponibile.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it