Consulta studenti Trieste: "In prima linea per valorizzazione territorio"

Consulta studenti Trieste: “In prima linea per valorizzazione territorio”

Impegno civile con un occhio alla storia e ai suoi insegnamenti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

TRIESTE – Presenti sul territorio da più di dieci anni, le consulte provinciali degli studenti sono nate per dare voce a chi rappresenta l’Italia di domani e vuole concorrere, grazie al proprio impegno e contributo, al miglioramento del sistema scolastico. Regolamentate da norme precise e supportate da fondi statali, le Cps sono più che mai attive e impegnate nell’organizzazione di eventi ed iniziative per dar spazio alle peculiarità delle diverse zone del Paese.

La consulta provinciale studentesca di Trieste sta lavorando su vari progetti come ‘Studenti in Aula’, di proposta e verifica su varie problematiche evidenziate dal territorio; già lo scorso anno è stato possibile presentare alle istituzioni delle soluzioni elaborate direttamente dai rappresentanti della consulta per quanto riguarda il trasporto pubblico locale, progetto che continua anche nel 2020.

“Si sta lavorando sul Pcto, ex alternanza scuola-lavoro, migliorando la ripartizione delle ore dedicate per gruppi di lavoro, in un’ottica di ottimizzazione di tempi e risultati-afferma Nicoletta Drioli, presidente Cps di Trieste– Vorremmo poi poter valorizzare di più alcune materie curricolari, come ad esempio il diritto nei Licei, facendo in modo che possa incidere meglio nella preparazione degli studenti”.

La consulta ha presentato un piano delle attività per l’anno scolastico in corso, che vanno dal coordinamento regionale di tutte le altre consulte del Friuli Venezia Giulia, presso la sede della Regione, al premio Pierino Addobbati, ispirato alla figura del quattordicenne triestino ucciso durante le manifestazioni di piazza per l’italianità di Trieste nel 1953.

L’evento – organizzato in collaborazione con il commissariato del governo nella regione Friuli Venezia Giulia, della Regione e dell’ordine dei Medici, Chirurghi e Odontoiatri – è giunto alla sua dodicesima edizione e vuole dare un riconoscimento agli studenti delle scuole secondarie di secondo grado della provincia che, nell’anno scolastico precedente, si siano distinti per una documentata azione di alto valore umanitario o sociale di soccorso sanitario a favore di persone bisognose di aiuto preordinato ed elaborato in un progetto. Vengono quindi premiati coloro i quali si sono cimentati in azioni di volontariato, assieme a chi ha prodotto un tema storico sul concetto di amore e rispetto della Patria.

Accanto al Premio Addobbati, la consulta triestina porta avanti incontri e interventi su varie tematiche come il coordinamento con la Protezione Civile, grazie a stage di formazione vera e propria, la partecipazione con stand alla fiera delle professioni e delle competenze allestita in stazione marittima, la promozione di reading teatrali e momenti di riflessione sulla storia delle terre del nord est. Tra aprile e maggio, il gruppo di lavoro per la realizzazione della giornata dell’arte studentesca sarà impegnato nell’organizzazione di un contest di musica fra gruppi.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it