Il lato oscuro della Luna nello spettacolare video in 4k della NASA

Il lato oscuro della Luna nello spettacolare video in 4k della NASA

Un panorama mozzafiato grazie ai dati di LRO
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Un tuffo nello Spazio direttamente dal divano di casa. La NASA ti porta sul lato oscuro della Luna con un incredibile video in 4k, ricreando il panorama mozzafiato visto dagli astronauti dell’Apollo 13 nel 1970.
Le immagini sono state ottenute grazie ai dati raccolti dalla navicella spaziale Lunar Reconnaissance Orbiter (LRO), ottimizzata per lo zoom di piccoli bersagli sulla superficie lunare.

Nelle immagini, in risoluzione 4K, si possono vedere diverse parti della superficie lunare. Tutte le visualizzazioni sono state velocizzate per motivi di durata – non sono mostrate in “tempo reale”. E poi arriva quel momento speciale in cui la Terra si alza sopra l’orizzonte…

“Huston, abbiamo avuto un problema!”

L’equipaggio dell’Apollo 13 non ha mai avuto la possibilità di atterrare sulla Luna. Una bombola di ossigeno esplose in un modulo di servizio della loro navicella il 13 aprile 1970, costringendoli a trovare un piano b per tornare a casa.

Fu un lungo viaggio, scomodo, freddo e teso. Il modulo di comando Odyssey era fuori uso e l’equipaggio fu costretto a trasferirsi nel lander Aquarius, utilizzando il modulo lunare come navetta di salvataggio.
Qui le condizioni erano inadatte ad un viaggio spaziale.
Il Lem era progettato per stare sulla Luna un massimo di due giorni e con sole due persone a bordo.

Il 17 aprile 1970, 4 giorni dopo la fatidica frase “Huston, abbiamo avuto un problema!”, gli astronauti Jack Swigert, Fred Haise e James Lovell riuscirono a tornare sulla Terra, con un ammaraggio di emergenza nell’Oceano Pacifico.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it