Coronavirus, Daniele Rugani positivo ma assicura: "Sto bene"

Coronavirus, Daniele Rugani positivo ma assicura: “Sto bene”

Il calciatore della Juventus è il primo sportivo della Serie A ad aver contratto il Covid-19
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Daniele Rugani, difensore della Juventus, è il primo calciatore della Serie A ad essere risultato positivo al Coronavirus. L’annuncio è arrivato nella serata di ieri, poco dopo il discorso a reti unificate del presidente Giuseppe Conte.

A dare la notizia la società di Torino che l’ha ufficializzata con un comunicato. Daniele è asintomatico, ha avuto solo qualche linea di febbre comparsa, tra l’altro, dopo la partita Juventus -Inter di domenica scorsa. 

“Juventus Football Club- si legge nella nota- sta attivando in queste ore tutte le procedure di isolamento previste dalla normativa, compreso il censimento di quanti hanno avuto contatti con lui”. Procedure che sta attivando anche l’Inter in via precauzionale. Tutte le attività agonistiche della squadra di Milano sono, inoltre, sospese a data da destinarsi. 

Il post Instagram di Daniele Rugani

Daniele Rugani come sta, invece? A rispondere è lui stesso con un post pubblicato in serata su Instagram. 

“Avrete letto la notizia e per questo ci tengo a tranquillizzare tutti coloro che si stanno preoccupando per me, sto bene.In questo momento però sento ancora di più il dovere di ringraziare tutti i medici e gli infermieri che stanno lottando negli ospedali per fronteggiare questa emergenza.
Invito tutti a rispettare le regole, perché questo virus non fa distinzioni! Facciamolo per noi stessi, per i nostri cari e per chi ci circonda”.

Nel giro di pochi minuti il nome del calciatore era diventato trending topic su Twitter. Tantissimi i messaggi di pronta guarigione, arrivati indistintamente dalla fede calcistica di appartenenza. 

Champions League, Ronaldo chiede lo stop della competizione

 

Cristiano Ronaldo alla JuveA quasi una settimana dalla partita di Champions League contro il Lione, in programma martedì 17 a Torino, si apre un grande punto interrogativo sul futuro della competizione. A chiedere uno stop in questo momento delicato per l’Italia e non solo è, tra gli altri, Cristiano Ronaldo.

Secondo quanto riportato da Tuttosport, il campione sarebbe rimasto a Madeira (dove si era spostato per andare a trovare la mamma malata) e non tornerà. L’attaccante, inoltre, sarebbe in disaccordo con la Uefa, che ha permesso di giocare una partita (Liverpool – Atletico Madrid) in uno stadio, quello di Anfield nella città britannica, davanti a 70.000 persone. Ronaldo chiede, quindi, uno stop delle competizioni europee. Chissà se verrà ascoltato.

La serie A è, invece, ferma fino al 3 aprile. Intorno al 25 marzo verranno comunicati eventuali recuperi o la sospensione della stagione 2019/2020. In bilico, a questo punto, anche l’Europeo, che si dovrebbe disputare, in maniera itinerante, a partire dal prossimo giugno. Le Leghe di tutta Europa (Serie A, con Premier, Liga, Ligue 1 e Bundesliga) stanno chiedendo il rinvio della competizione. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it