Le volevo un po’ parlare del mio stato psicologico di questo periodo…

Buongiorno, mi dispiace disturbarla e la ringrazio già in anticipo per la disponibilità. Le volevo un po’ parlare del mio stato psicologico di questo periodo. Da quando è iniziata questa quarantena mi sento molto triste, non so come passare le mie giornate oltre a fare le solite cose; studiare, seguire videolezioni e aiutare mia mamma in casa. Inoltre mi manca molto il mio ragazzo, che non vedo ormai da 10 giorni. Non siamo abituati a non vederci per così tanto tempo e non so veramente come poter fare se dovessero prolungare questo periodo di emergenza sanitaria. Ho bisogno un po’ di sfogarmi e avere qualche consiglio riguardo la situazione.
Grazie mille ancora

Giorgia


Cara Giorgia,
comprendiamo benissimo il tuo stato emotivo in questo momento. Certamente tra tutte le emozioni che stiamo sperimentando, c’è la tristezza e ancor di più la solitudine. Anche la noia spesso prende il sopravvento, ma se ci lasciamo andare a queste emozioni così negative ci immergiamo in uno stato di sfiducia totale. E’ importante riconoscerle anche perché questo ci aiuta ad affrontarle e incanalarle in un modo più costruttivo. Sappiamo che la mancanza dei nostri affetti influisce e accentua questa situazione, ma dobbiamo, in questo momento far fronte a tutte le nostre risorse. Quando tutto sarà finito sarei anche sorpresa ed orgogliosa della forza e dello spirito che hai tirato fuori. Per quanto riguarda il tuo ragazzo, per te come per altri giovani come te è un momento difficile, ma ci sono tanti modi per restare in contatto emotivamente, fortunatamente la tecnologia ci viene incontro. Sappiamo bene che non è la stessa cosa ma resta questo l’unico modo di incontrarsi in questo momento. Quindi invece di soffermarsi sulla distanza fisica focalizziamoci sul quando tutto questo sarà finito e quanto il vostro rapporto seppur a distanza vi abbia aiutato nel contenere ansie e paure. Forse ne uscirete più uniti di prima!
Un caro saluto!

18 Marzo 2020