Covid-19, corsa alle armi per gli americani. ClioMakeUp scappa da New York

Covid-19, corsa alle armi per gli americani. ClioMakeUp scappa da New York

Le storie della truccatrice rivelano un quadro tragico oltre oceano
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La paura di stare in casa propria e la situazione d’incertezza costante. Sono questi i due elementi principali che hanno portato ClioMakeUp, al secolo Clio Zammatteo, a scappare dalla propria città, New York, e trasferirsi dall’amica Giuliana Arcarese (anche lei make-up artist conosciuta come MakeUpDelight). Il Coronavirus sta avendo, purtroppo, in America delle derive pericolose. I cittadini, invece di fare provviste alimentari, sono tutti alla ricerca di armi. Perché?

“Se non hai niente da perdere – spiega Clio in lacrime nelle sue storie di Instagram – e non hai i soldi per comprare da mangiare, se ti senti in trappola o sei drogato, si arriva al punto: è la mia vita o la tua. Se devo sopravvivere, ti vengo in casa e ti faccio fuori. Gli americani si sono presi le armi per difendersi. Questa situazione fa paurissima”. 

Clio è in attesa della sua seconda figlia, Joy, e ha una bambina di due anni e mezzo, Grace. Con una gravidanza quasi al termine, la truccatrice ha così deciso di andare via da New York: “Non era più diventata una città da considerarsi sicura nelle mie condizioni. Quando inizi a vedere gente che invece della carta igenica va a comprare le armi. Quando pensi al livello di povertà che c’è nella città. Quando inizi a pensare che non è mai successa una cosa del genere e che il popolo americano non è per niente uguale al popolo italiano. Più che del virus abbiamo iniziato ad avere paura alla reazione della gente. Non ci siamo sentiti sicuri con una bambina piccola e una in arrivo”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it