Potatura e scherma, la didattica online del 'Sereni' di Roma

Potatura e scherma, la didattica online del ‘Sereni’ di Roma

L'intervista alla dirigente Patrizia Marini
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – #SereniStoACasa#MaStudio. Si chiama così il programma per la didattica a distanza dell’istituto agrario ‘Sereni’ di Roma. Anche qui infatti le lezioni sono riprese con regolarità.

“Il nostro team innovazione ha aiutato tutti i docenti a registrare le proprie lezioni- racconta a diregiovani.it la preside Patrizia Marini- Abbiamo già caricato molto materiale, i docenti stanno apprezzando la novità e anche per l’attività laboratoriale siamo riusciti ad attrezzarci. Prima della chiusura totale infatti avevamo fatto alcuni filmati sulla potatura e su altre tecniche. I ragazzi poi stanno reagendo benissimo. I miei professori dicono che li trovano ancora più attenti e concentrati. Insomma, non tutto si può fare ma ciò che è possibile va fatto”.

Anche i docenti di educazione fisica si stanno adoperando, aggiunge Marini:

“Con il programma #SereniStoACasa#MaMiAlleno stiamo registrando videolezioni per i nostri studenti di scherma ed esercizi per i nostri alunni con disabilità”.

E per essere completamente inclusivi, nella rete degli istituti agrari si è messo in moto un meccanismo di solidarietà didattica:

“Stiamo unendo le forze per mettere in comune le migliori lezioni e inoltrarle a tutte le scuole. Una sorta di festival delle scienze in digitale”.

La dirigente del ‘Sereni’ non si risparmia poi un commento sulla circolare del ministero che ha aperto la polemica tra scuole e sindacati, la cosiddetta nota Bruschi:

“è fatta molto bene da persone che sanno di scuola. Forse qualcuno sta dimenticando che al centro della scuola ci sono gli studenti. La didattica online è prima di tutto un mezzo terapeutico, di contatto con loro. Non possiamo abbandonare i ragazzi in questo momento, al contrario dobbiamo passare del tempo con loro affrontando argomenti vecchi e nuovi”. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it