VIDEO | Cara ci spiega il suo nuovo singolo, "Le feste di Pablo"

VIDEO | Cara ci spiega il suo nuovo singolo, “Le feste di Pablo”

La cantante ai nostri microfoni a distanza
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Vent’anni appena e già un senso spiccato per i tormentoni. Dopo il successo di “Mi serve” e del suo remix con Samuel Heron, Cara è tornata con “Le feste di Pablo”. Il brano, su tutte le piattaforme digitali, tra sonorità pop internazionali e una forte impronta cantautoriale racconta di come, spesso, il confine tra fantasia e realtà possa essere per noi labile e portarci, inevitabilmente, qualche delusione. Metafora di tutto ciò è Pablo, Escobar ovviamente. Una figura controversa che rappresenta bene quello che Cara ci canta: la vita è fatta di paradossi.

Ecco la canzone nelle parole della cantante di Crema. 

La bio di Cara

Anna Cacopardo in arte CARA, 20 anni, nata a Crema. Si è avvicinata alla musica sin da bambina frequentando la scuola musicale Consorzio Concorde di Crema, nella sezione canto. Appassionata del cantautorato italiano (ascolta artisti come Lucio Dalla e Fabrizio De André) e del pop internazionale (soprattutto Michael Jackson a Beyoncé) inizia il suo percorso musicale con esibizioni live in sessione acustica, proponendo anche brani inediti da lei scritti. Nel 2017 ha partecipato al Tour Music Fest di Mogol, arrivando in semifinale a Roma e, con un suo brano inedito, al concorso di Area Sanremo tour 2017, arrivando in finale. Dopo essersi iscritta all’Accademia di Musica NAM di Milano, al corso di Canto Moderno, ha iniziato da qualche anno un percorso musicale proprio, componendo sia testi che musica. “Mi Serve” è stato il primo singolo che ha pubblicato con un’etichetta discografica.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it