'Io resto in comunità', al via iniziativa Cncm e Agenzia Dire

‘Io resto in comunità’, al via iniziativa Cncm e Agenzia Dire

Il racconto delle strutture per minorenni al tempo del Covid-19
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – ‘Io resto in comunità. Le comunità per i minorenni al tempo del Coronavirus’ è il titolo dell’iniziativa promossa dal Coordinamento Nazionale delle Comunità per Minori (Cncm) e l’Agenzia di stampa Dire-Diregiovani.it con l’obiettivo di dare voce ai ragazzi e alle ragazze che vivono questo contesto.

“In questo periodo d’isolamento, la vita all’interno delle nostre comunità per i minorenni si è fatta più complicata- spiegano dal coordinamento- Come già qualche educatore sta scrivendo i ragazzi chiedono: ‘Adesso capite come si sta agli arresti domiciliari?’, e come ha scritto Marco Mura della comunità di Capoterra vicino Cagliari, ‘Come possiamo spiegare ai nostri ragazzi adolescenti che la libertà è sospesa?’. Ragazzi complessi, ‘inceppati’, che devono interrompere tutti i rapporti esterni alla comunità, i tirocini lavorativi, lo sport, rapporti affettivi. Bambini che non possono rientrare in famiglia e ricevere le visite dei propri cari, attese con grande ansia. E poi il lavoro degli educatori che continuano ad esserci malgrado le paure e le angosce lasciate in famiglia- concludono- Tutti stanno riscoprendo giochi ormai dimenticati. A volte è piacevole, a volte più complesso stare con loro, cercando di sostenerli psicologicamente rassicurandoli che andrà tutto bene”.

Partendo da questa riflessioni e dall’idea proposta dalla Comunità educativa per minori C.A.Gi.V.A., gestita dalla cooperativa Progetto sociale di Cantù (Como), è stato dunque pensato un progetto per condividere all’esterno – dando voce ai minori stessi – ciò che i ragazzi e le ragazze vivono e provano ai tempi della forzata permanenza all’interno delle comunità. L’obiettivo è quello di far tirar fuori ai ragazzi e alle ragazze le loro emozioni, rendere l’idea di cosa significhi vivere in un contesto comunitario e far emergere quello che sperano per adesso e per l’immediato futuro successivo alle restrizioni governative.

Un progetto che prevede la produzione di video realizzati con lo smartphone per dare modo di tirar fuori anche le abilità dei ragazzi: nell’essere creativi, nel proporre dei contenuti comuni o condivisibili con i loro coinquilini in primis, nella narrazione della ‘forzata permanenza a domicilio’, nel lavorare insieme dividendosi o meno i compiti da svolgere per portarlo a termine; nel sapere lavorare con adulti, professionisti e non, che vogliano sostenere nel modo migliore i loro intenti.

Grazie alla collaborazione con l’agenzia di stampa Dire e diregiovani.it vengono messi a disposizione delle comunità video lezioni di giornalismo e montaggio propedeutici alla realizzazione dei video. Ogni comunità potrà poi inviare i propri prodotti che verranno diffusi attraverso i canali dell’agenzia e che andranno ad unirsi ai lavori e alle voci degli studenti delle scuole di tutta Italia che hanno aderito al progetto ‘Lontani ma vicini’.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it