Coronavirus e inquinamento: le immagini della Terra che torna a respirare

Registrato un drastico calo dei livelli di biossido di azoto

Con mezzo mondo in quarantena per la pandemia di coronavirus, la Terra torna a respirare. I dati satellitari dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA) svelano il forte impatto del lockdown sull’inquinamento. La diminuzione della autovetture in circolazione ha causato un drastico calo dei livelli di biossido di azoto, un gas altamente inquinante che si genera dalla combustione dei combustibili fossili.

In Pianura Padana, ad esempio, le analisi elaborate da un team di esperti del Sistema nazionale di protezione ambientale (SNPA) hanno stimato una diminuzione del 50% dell’emissione di biossido di azoto nell’ultimo mese.

Le incredibili immagini create dalla piattaforma Earther, attraverso dati satellitari dell’ESA, mostrano la situazione negli USA, dove l’impatto della quarantena è ancora più evidente.

2020-03-27T11:30:57+01:00