La quarantena e l’organizzazione dello studio

La quarantena e l’organizzazione dello studio

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Nell’attuale situazione in cui viviamo ci viene chiesto di riorganizzare spazi e tempi. L’isolamento con il quale dobbiamo convivere ha però degli aspetti positivi. Per esempio, il nuovo tempo può essere utilizzato per progettare, pianificare lo studio e per recuperare le lacune. In questo piccolo vademecum sono riportati i punti fondamentali per programmare lo studio a casa in questi giorni di chiusura scolastica.

1) OBIETTIVI
Per iniziare bene lo studio bisogna fissarsi degli obiettivi. Cosa voglio studiare oggi? Potrebbe essere utile partire da una cosa più semplice per essere più incoraggiati a proseguire. Creare una sorta di tabella di marcia che può essere giornaliera o settimanale, dando spazio all’approfondimento, e al recupero delle lacune. Si possono inserire le materie da studiare e approfondire, dare una scansione anche temporale o visiva in modo da avere ben chiaro cosa si vuole fare, così da non correre il rischio di saltare da una materia all’altra.

2) SPAZIO
È molto utile crearsi uno spazio, se possibile lontano da distrazioni e “privato” dove potersi concentrare. Nello spazio si devono avere tutti i materiali e gli strumenti utili per poter lavorare senza doversi distrarre per prendere le cose che ci servono. Può essere utile che ci sia un computer per agevolare le ricerche, uno spazio ben illuminato e una seduta comoda.

3) TEMPO
Dopo aver fissato degli obiettivi l’importante è darsi un tempo per lo studio. C’è chi preferisce il pomeriggio, chi il mattino. Può essere di aiuto fissare un orario il più possibile regolare così da non perdere l’abitudine, passare da un orario all’altro può essere disorientante e creare ampi spazi di noia. Naturalmente è importante organizzare il tempo anche considerando gli orari delle lezioni online che molte scuole hanno attivato.

4) PAUSA
Nel tempo da organizzare sono incluse le pause, non è una maratona di studio. Quando si sente il bisogno di fermarsi è importante farlo per riposare la mente, gli occhi e rifocillarsi mangiando qualcosa o prendendo un po’ d’aria. Ognuno conosce i propri tempi e può meglio adeguarli nello studio a casa.

5) METODO DI STUDIO

Per uno studio efficace è importante avere un buon metodo di studio. Include tutti i punti precedenti
ed anche le modalità. Si può sottolineare e ripetere, fare riassunti, utilizzare mappe o video per il ripasso o l’approfondimento. Su internet le risorse sono molteplici e vengono in aiuto anche a chi fa un po’ più di fatica.

CURIOSITÀ

La solidarietà digitale è una sorta di banca dati dove trovare servizi e risorse digitali gratuiti come corsi di inglese, libri, film e tanto altro da poter utilizzare in questo particolare momento storico.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it