Il ricercatore Paolo Landri presenta una mappa per prepararci alla scuola del futuro

Il ricercatore Paolo Landri presenta una mappa per prepararci alla scuola del futuro

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – L’emergenza Covid1-19 si è tradotta in un notevole impulso alla digitalizzazione della scuola e delle università nell’ambito di una generale accelerazione della digitalizzazione del “sociale”. Le tecnologie sembrano offrire una immediata soluzione al problema del social distancing e hanno dato una nuova forma alla scuola attraverso la didattica a distanza. Non tutti, però, leggono questo impulso alla digitalizzazione allo stesso modo. Quali sono le varie posizioni che stanno emergendo e le relative teorie d’azione? A spiegarlo sarà Paolo Landri, Primo Ricercatore CNR – IRPPS che venerdì 3 aprile a partire dalle ore 16:15 interverrà in qualità di relatore del webinar “La scuola del futuro. Una mappa per prepararsi”.

Attualmente, è responsabile di INPOS, un progetto di ricerca sull’innovazione nelle politiche sociali e nei regimi di welfare.Ha una laurea in Sociologia, un Diploma Post-Laurea in Social Science Data Analysis conseguito presso l’University of Essex (UK) e un Dottorato in Sociologia dei Processi di Innovazione nel Mezzogiorno presso l’Università di Napoli “Federico II”. La sua expertise concerne i seguenti campi: sociologia dell’educazione, ricerca metodologica (con particolare riferimento ai metodi qualitativi ed etnografici), studi organizzativi, avendo partecipato a molti progetti di ricerca al livello nazionale ed internazionale su questi temi. Recentemente, i suoi interessi di ricerca riguardano le organizzazioni educative, l’apprendimento professionale e le politiche educative.

Nell’incontro virtuale di venerdì il Dott. Landri presenterà lo studio che ha compiuto sulla situazione odierna che riguarda la digitalizzazione della scuola e sui possibili futuri scenari. La mappa, di cui si parlerà, è stata costruita con tre criteri:
1) l’idea del futuro come avvenire e non come tempo programmato
2) un principio di cautela  
3) un’attenzione alle disuguaglianze sociali.

L’incontro  si inserisce nel calendario di webinar organizzati dalla Rete di solidarietà Indire, un’iniziativa a sostegno della didattica a distanza avviata in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione a seguito della firma del DPCM del 4 marzo scorso con cui sono state chiuse tutte le scuole del Paese. Dallo scorso 3 marzo, grazie alla collaborazione dei ricercatori dell’Istituto, di esperti, docenti e dirigenti scolastici della reti di Avanguardie educativePiccole Scuole e della community europea eTwinning vengono quotidianamente organizzati seminari online per condividere le numerose buone pratiche già sperimentate con successo in molte scuole italiane su diversi aspetti legati alla didattica a distanza, come la gestione di classi virtuali, la scuola in cloud, la creazione di video didattici, il digital storytelling, la gestione del personale scolastico, la fruizione di materiali multimediali su piattaforme per l’apprendimento a distanza. Tutti i webinar vengono registrati e sono disponibili gratuitamente nell’archivio online.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it