Maturità, studente liceo 'Volta' di Reggio Calabria: "Siamo pronti"

VIDEO | Maturità, studente liceo ‘Volta’ di Reggio Calabria: “Siamo pronti”

Samuel racconta: "Tanto studio e impegno per esame finale"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO CALABRIA – “Di solito, non mi preoccupo per nessuna tipologia di esame, ma se potessi scegliere il modo per svolgere la maturità di quest’anno, accanto all’orale, vorrei fare anche gli scritti. Credo che chi aspira ad una valutazione alta, potrebbe risentire di un esame solo orale”.

A raccontarlo è Samuel Marino, studente di V anno del liceo scientifico ‘A. Volta’ di Reggio Calabria, all’indomani dall’approvazione del decreto Scuola che include le misure per la maturità 2020 con modalità completamente stravolte, a causa dell’emergenza sanitaria da Covid-19.

La nuova maturità prevede, infatti, solo l’orale nel caso in cui prosegua la chiusura delle scuole. Tuttavia, se le misure restrittive di isolamento sociale per contenere il rischio di contagio dovessero essere allentate, si rientrerà in classe il prossimo 18 maggio. In tal caso, gli esami di Stato prevederanno, inoltre, la prima prova scritta di italiano uguale per tutti gli studenti del territorio nazionale e la seconda prova, di indirizzo, predisposta da ciascuna commissione composta da membri interni e da un presidente esterno, inerente le attività didattiche svolte durante l’ultimo anno scolastico. Per Samuel, in questo periodo di quarantena, lo studio è più intenso:

“Anche le lezioni online, della durata di 40 minuti ciascuna, sono più impegnative. Avvengono in classi virtuali dalle 9 alle 12.40, con un unico intervallo della durata di 20 minuti. Mi sto trovando bene, le spiegazioni sono più concentrate rispetto a quelle frontali: non ci sono distrazioni esterne, come la battuta di un compagno o una possibile interruzione dovuta alla comunicazione di una circolare o da chi chiede di andare in bagno. Dobbiamo solo ascoltare i professori per tutta la lezione”.

“Se si è preparati- conclude lo studente calabrese– non si dovrebbe avere paura per un esame, anche se l’emergenza educativa che stiamo vivendo può destare qualche pensiero in più. Un maxi-colloquio agli esami di maturità prevede la conoscenza di tutto il programma e lo scritto potrebbe essere un modo per salvarsi. C’è chi si sente meno pronto ad affrontare questa maturità, ma con determinazione ed impegno nello studio si possono ottenere i risultati attesi”. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it