Il sindaco di Firenze consegna le chiavi della città a Emma ma è scontro

Il sindaco di Firenze consegna le chiavi della città a Emma ma è scontro

È Alessandro Draghi, consigliere comunale di Fratelli d’Italia, a non aver digerito la notizia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Emma Marrone riceverà le chiavi della città di Firenze. Lo ha annunciato con fierezza Dario Nardella, il sindaco del capoluogo toscano a “Un giorno da pecora”. Le verrà consegnato nel giorno del suo concerto del 13 ottobre nella città. L’onorificenza viene data, sin dai tempi del Medioevo, ai personaggi più illustri per permettergli di attraversare le mura di confine in ogni momento. 

“Sono orgogliosa e onorata. Spero di non perderle come tutte le altre”, ha detto Emma scherzando. C’è, però, chi non l’ha presa così bene. 

È Alessandro Draghi, consigliere comunale di Fratelli d’Italia, a non aver digerito la notizia, come si legge in una nota ufficiale pubblicata sul sito del comune. Eccola di seguito:

“Emma Marrone è una cantante famosa e affermata, può piacere come no, ma con Firenze ha un rapporto solamente casuale, infatti, nella nostra città c’è solo nata, ha vissuto qualche tempo a Sesto e da piccola si è trasferita nel leccese sua terra d’origine. Restiamo basiti dal fatto che il sindaco Nardella continui a regalare chiavi della città, nemmeno fosse un ferramenta. Non condividiamo questa inflazione di premi e encomi, al solo fine di prendere spazio sui quotidiani nazionali e sulle riviste patinate. Perciò ci domandiamo se le chiavi della città che saranno, a detta sua, consegnate ad ottobre sul palco del Mandela Forum, abbiano lo stesso valore di quelle già consegnate a Richard Gere e David Sassoli e a quelle che sarebbero state date a Liliana Segre

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it