VIDEO | Mediglia, sanitari ‘Residenza Borromea’ scrivono a studenti: “Grazie”

La lettera inviata all'IC Emanuela Loi in risposta al video dei ragazzi
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

MILANO – Il personale sanitario della ‘Residenza Borromea’ ha scritto all’istituto comprensivo ‘Emanuela Loi’ di Mediglia e all’amministrazione comunale di Mediglia per ringraziarli del supporto “dopo avere apprezzato il bellissimo video realizzato dagli studenti“. Il video nasceva proprio dall’esigenza di sostenere il lavoro di medici e infermieri, definiti dai ragazzi “angeli ed eroi”, e trasmettere vicinanza ai “nonni” della struttura.

In calce alla lettera compaiono tutte le firme autografe degli operatori e delle operatrici della struttura residenziale in cui circa la metà degli anziani ospiti è deceduta, nel giro di pochi giorni. Le famiglie delle vittime hanno infatti creato un comitato per chiedere verità a regione Lombardia e all’azienda sanitaria locale.

“Un saluto a tutti voi ma soprattutto a chi non c’è più, a chi è stato parte integrante delle nostre giornate, a chi con la sua persona ci ha insegnato a vivere- è l’incipit della lettera- Siamo stanchi ma continuiamo ad assistere, curare, far sorridere chi ne ha bisogno, semplicemente perché ci crediamo. A casa abbiamo mogli, figli, mariti, nonni che dobbiamo tutelare, ma quando entriamo nella nostra struttura ci carichiamo di quella semplice voglia di fare del bene agli altri. Tutti i medici, gli infermieri, i fisioterapisti, gli animatori, il personale socio-assistenziale ed amministrativo è unito nel dolore, nella fatica, nei momenti di sconforto, ma mantiene la determinazione nel fare quello che è più giusto. Per questo le vostre parole di sostegno sono preziose. Grazie di credere in noi”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Redazione Diregiovani
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it