Chernobyl continua a bruciare: fiamme pericolosamente vicino alla centrale

Il fuoco è arrivato a pochi chilometri dai reattori

Ancora in fiamme la zona di esclusione di Chernobyl. L’incendio, che sta devastando l’area da circa 10 giorni, ha pericolosamente raggiunto i pressi della centrale nucleare abbandonata, arrivando a pochi chilometri dai reattori.

Nella giornata di oggi, i servizi di emergenza ucraini hanno affermato che le fiamme sono state contenute e sembra non esserci “alcun fuoco aperto”.

L’incendio è di origine dolosa.

Sebbene gli incendi boschivi siano comuni nell’area, Greenpeace ha riportato che questo è stato il peggiore degli ultimi decenni.

Suolo e piante della zona di esclusione, che si estende per circa 2.600 chilometri quadrati, sono contaminati dal 1986. La preoccupazione è che gli elementi radioattivi possano essere trasportati dai pennacchi di fumo generati dagli incendi

2020-04-14T13:50:59+02:00