Gazzelle pubblica "Ora che ti guardo bene", la canzone nata in quarantena

Gazzelle pubblica “Ora che ti guardo bene”, la canzone nata in quarantena

Tutti i proventi del brano saranno devoluti allo Spallanzani di Roma
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Gazzelle, a sorpresa, regala al suo pubblico una nuova canzone. È su tutte le piattaforme per Maciste Dischi e Artist First “Ora che ti guardo bene”, un brano scritto in questi giorni di quarantena per l’emergenza Coronavirus, come ha spiegato lo stesso cantautore sui social. 

“L’ho scritta qui a casa in questi giorni tristi e prodotta a distanza insieme a Federico Nardelli”, spiega l’artista romano, al secolo Flavio Pardini, lanciando un augurio: “È una canzone che spero vi faccia bene”. 

Tutti i proventi della canzone andranno in beneficenza. “Ho deciso insieme alla mia squadra – scrive Gazzelle –  di devolvere tutti i proventi all’ospedale Spallanzani di Roma per fare bene anche e soprattutto a chi sta soffrendo”.

Un desiderio, quello del cantautore che è stato accolto immediatamente da Maciste Dischi: “Non è un singolo e non anticipa nulla, ma è la dolcissima nuova bombetta che Flavio ha scritto e registrato in questi giorni di reclusione. Ci ha proposto di devolvere l’intero ricavato della monetizzazione all’istituto nazionale per le malattie infettive di Roma, Lazzaro Spallanzani e noi assieme agli amici di Artist First seguiremo questo bellissimo suggerimento”.

Il testo

Ti ricordi com’è che si fa
Vita mescolata insieme e poi divisa di nuovo a metà
Mentre corriamo in queste stanze, sta casa è così grande
Ma che lavoro fa il tuo papà
Mi piacerebbe andare sulla Luna
E portiamo un sacco a pelo
E rimaniamo là
Mentre sul mondo piove forte
Suoniamo il pianoforte
Cantiamo insieme na na na
Ora che ti guardo bene
Sembri proprio come me
E non so se è un male o un bene, ma sto meglio insieme a te
E ti ricordi che sapore ha
Quel bacio dato sotto casa mentre ridevi
Mentre la luce di un lampione, illuminava un fiore
C’è un gatto col tuo nome, miao, dove va
Ti piacerebbe stare sotto al sole, sdraiati in un balcone
Rimaniamo là
Mentre la strada brucia male
Non ti farò del male, giuro
Mai mai mai
Ora che ti guardo bene
Sembri proprio come me
E non so se è un male o un bene, ma sto meglio insieme a te
Ora che ti guardo bene
Sembri proprio come me
E non so se è un male o un bene, ma sto meglio insieme a te
Cantiamo insieme na na na
Cantiamo insieme na na na

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it