VIDEO | Preside ic di Montorio: "Didattica a distanza è preziosa"

VIDEO | Preside ic Montorio: “Didattica a distanza è preziosa”

Intervista a Eleonora Magno
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “La nostra prima preoccupazione dopo la chiusura delle scuole è stata quella di verificare che tutti potessero connettersi e che avessero un dispositivo per farlo. Questo perché abbiamo capito subito che non si sarebbe tornati in classe per un po'”.

Così la dirigente scolastica Eleonora Magno dell’IC Montorio-Crognaleto in provincia di Teramo, intervistata da diregiovani.it.  Per ovviare ai casi di digital divide la preside ha deciso di dare in comodato d’uso dei computer portatili di proprietà della scuola in questo modo che le alunne e gli alunni della scuola media possano tutti seguire le lezioni e coprendo un’alta percentuale anche alla scuola primaria.

“Il nostro è un istituto comprensivo ed abbraccia quindi una fascia d’età che va dai 3 ai 14 anni di cui abbiamo dovuto tener conto anche e soprattutto dal punto di vista psicologico- spiega la dirigente- sotto questo aspetto il supporto ricevuto dall’IdO, (Istituto di Ortofonologia), con il quale collaboriamo da anni è stato particolarmente prezioso”.

Una delle questioni che la scuola abruzzese ha dovuto subito affrontare infatti è stato il supporto emotivo alle famiglie facendo sentire la vicinanza dei docenti ai bambini e ai ragazzi.

“Non è facile per i genitori gestire il lavoro da remoto e la didattica a distanza, partiamo da qui- sottolinea la preside Magno- soprattutto per i più piccoli poi la figura dell’insegnate è fondamentale e le nostre maestre hanno svolto un grande lavoro. Una delle attività più apprezzate dalle famiglie ad esempio è la registrazione delle letture che permette ai bambini e alle bambine di svolgere attività didattica ma anche di ascoltare la voce delle maestre”.

La chiusura delle scuole ha portato con sé un uso quotidiano della didattica a distanza che sta spingendo docenti e dirigenti a riflettere sul suo uso anche dopo la fine dell’emergenza, secondo la dirigente abruzzese, molto di quello che si sta facendo oggi è prezioso e verrà riutilizzato.

“Una parte importante delle attività che stiamo facendo potrà e dovrà essere implementata, le competenze digitali di cui molto si è parlato, i ragazzi, le ragazze e anche i docenti, in questi giorni le stanno acquisendo sul campo. Con questo voglio dire che quando si ritornerà tra i banchi, la ‘nuova’ didattica a distanza sarà un’arma in più”. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it