All'ic Maccarese un tema al giorno per passare insieme la quarantena

All’ic Maccarese un tema al giorno per passare insieme la quarantena

Una maestra: "Formazione del docente è essenziale"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Ogni giorno un tema. Ogni giorno uno spunto per fare didattica a distanza riflettendo, pensando. Stefania Rusi, insegnante di italiano, storia, arte e inglese in due classi quinte dell’istituto comprensivo ‘Maccarese’ a Fiumicino prova così a interessare i suoi bambini.

“Non sono una figlia digitale ma ho imparato a usare l’online per fare lezione. Sono stata fortunata perché avendo una quinta posso contare sulla collaborazione e sull’autonomia dei ragazzi. È chiaro che uso una metodologia diversa da quella in presenza”.

La maestra Stefania ha attivato da subito tutti i possibili canali puntando oltre alla didattica anche alla formazione: email, Whatsapp, registro elettronico fino ad approdare alla piattaforma di Google Suite. Oggi fa videoconferenze e lezioni live. Spesso invia tutorial fatti da lei “perché è necessario che la voce narrante sia quella dell’insegnante stesso“, spiega la docente. Per quanto riguarda la valutazione: invia i compiti, corregge, valuta e restituisce.

“Al momento sto seguendo le indicazioni di massima date dal ministero dell’Istruzione: tengo conto della partecipazione, dei tempi di consegna, della la puntualità”, sottolinea Rusi. La maestra Stefania li ha raggiunti tutti i suoi 21 allievi.

“All’inizio- spiega l’insegnante- non è stato facile organizzare il tutto soprattutto perché qualche genitore si è voluto intromettere e ha voluto far di testa sua. Solo due studenti non avevano il computer ma hanno usato il telefono. Sa qual è la cosa più importante? La formazione del docente: le nostre informazioni sono essenziali”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it