VIDEO| Gli studenti della scuola di musica CPM suonano Stevie Wonder a distanza

VIDEO| Gli studenti della scuola di musica CPM suonano Stevie Wonder a distanza

In questo periodo, sono aumentati i corsi online. Così i ragazzi hanno deciso di cantare tutti insieme
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Con il perdurare delle disposizioni governative a causa dell’estremo stato di emergenza vigente, il CPM Music Institute, scuola di formazione artistica musicale diretta e fondata da Franco Mussida, ha potenziato il suo sistema scolastico a distanza proseguendo i programmi didattici in corso con lezioni online interattive, teoriche e strumentali. Il CPM, in un solo mese, è riuscito a realizzare  1300 ore per un totale di oltre 700 lezioni online mediante la piattaforma Microsoft Teams (465 account per gli allievi, 90 per i docenti e 25 per lo staff), che mette a disposizione di tutti gli utenti un indirizzo di posta elettronica ‘@mycpm’ con 50Gb di archiviazione online e uno spazio sul cloud OneDrive da ben 1TB. Attualmente sono attivi più dell’80% dei corsi musicali strutturati in lezioni interattive curate dai rispettivi docenti. Gli unici corsi non attivi sono quelli che richiedono un interplay tra gli allievi, dal momento che non vi sono tecnologie che garantiscono il corretto svolgimento di queste lezioni (come ad esempio i corsi di Musica d’Insieme, Studio Recording e Bass&Drum). Anche le discussioni delle tesi sono momentaneamente in standby, poiché prevedono un’esibizione live con una band di accompagnamento non realizzabile a causa delle restrizioni governative in vigore. L’obiettivo del grande lavoro svolto dalla direzione didattica, dai docenti e dalla segreteria è stato quello di calendarizzare le attività didattiche in modo da continuare a garantire lo svolgimento regolare delle lezioni e degli esami.

Il video

In quest’ottica, alcuni allievi del CPM, iscritti ai percorsi AFAM, hanno recentemente realizzato un video da casa in cui ognuno di loro si esibisce con il proprio strumento o voce a distanza nella cover di ‘Signed, sealed, delivered (I’m yours)’ di Stevie Wonder. “Un’idea nata dalla volontà di continuare a suonare insieme per abbattere le distanze fisiche imposte da questo particolare momento”, afferma Giordano Giorgi, rappresentante degli studenti iscritto al III anno di Batteria AFAM proveniente da Macerata. Insieme a Giordano Giorgi, hanno partecipato al video: Luca Gambino da Treviso (Hammonds e Clavinet), Stefano Casalena da Cernusco sul Naviglio (Basso), Cristian Donà da Reggio Emilia e Carlo Capobianco da Trani (Chitarra), Nicole Piccione da Novara, Greta Moroni da Sondrio, Giulia Lazzerini da Monza, Maddalena Cortesi da Forlì e Chiara De Rosa da Varese (voce), Paolo Scotti da Sesto San Giovanni (Mix)

“In questo momento così particolare e unico della storia recente – spiega Franco Mussida – alla musica viene assegnato un ruolo sociale è valoriale di maggiore rilievo rispetto al passato. La propensione umanistica del CPM Music Institute, coltivata in oltre 30 anni di progettualità e sperimentazioni, ci trova oggi ben allineati con i tempi. Anche grazie all’introduzione di nuovi mezzi informatici di relazione, sarà ora possibile condividere il nostro approccio con gli studenti di ogni regione e città. La musica continua ad essere un miracolo: averci a che fare un vero privilegio”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it