La "Meraviglia" di pubblicare canzoni in quarantena. L'intervista a Boreale

VIDEO|La “Meraviglia” di pubblicare canzoni in quarantena. L’intervista a Boreale

Il cantautore ci ha raccontato a distanza il suo nuovo singolo e la voglia di tornare in studio di registrazione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Parla di amore e di stupore “Meraviglia”, il nuovo singolo di Boreale, nuovo progetto del cantautore Alessandro Morini. E di stupore in questo periodo di quarantena ce n’è parecchio nella vita di ognuno. Lo stesso Alessandro non avrebbe mai pensato di pubblicare una canzone nel corso di un completo isolamento, come ha raccontato ai microfoni di Diregiovani in un’intervista a distanza.

“Avevamo in programma di pubblicare questa canzone da tempo – dice Boreale – e non pensavamo di ritrovarci in una situazione di emergenza di questo tipo ma alla fine abbiamo comunque deciso di pubblicarla”. Una scelta che, di certo, non è usuale per nessun cantante: “Fa strano perché non puoi promuovere il singolo in giro, non puoi fare dei piccoli live, non puoi andare in radio. Puoi fare tutto tramite i social, con dirette Instagram o Facebook e (interviste, ndr) telefoniche, quindi è stato molto strano da questo punto di vista”. 

“Meraviglia”, registrato e mixato allo StudioNero di Roma e prodotto da Marta Venturini, è il quinto singolo di Boreale. Una canzone delicata ed energica allo stesso tempo in cui le sonorità elettroniche prendono il sopravvento accostandosi a quelle morbide ed eleganti del pianoforte. “Parla di un momento molto particolare della mia vita – spiega Boreale – parla di rivoluzione, di quando pensavo davvero di poter cambiare tutto. È una canzone che ho scritto di getto, di pancia e racconta di una storia vissuta intensamente tra malinconia e stupore”. 

Del lavoro con Marta Venturini, che in passato ha prodotto anche Calcutta, Alessandro dice di essersi molto divertito. “Lei – spiega il cantautore – riesce in qualche modo a mettere in ordine tutte le idee e a creare una struttura di un certo tipo che funzioni per ogni brano”

Ora Alessandro guarda alla fine della quarantena con la voglia di tornare in studio per completare il suo primo disco di inediti da solista. Boreale era, infatti, nei Mary in June. “La prima cosa che farò dopo questo isolamento sarà sicuramente entrare in studio a terminare il prossimo singolo e tutto il disco e – si augura – sicuramente iniziare i live in tutta Italia”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it