La verità sul video dello tsunami in Giappone: è una bufala a metà

La verità sul video dello tsunami in Giappone: è una bufala a metà

Le immagini sono quelle del maremoto del 2011
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Se siete capitati qui è perché anche voi in queste ore avete visto il video di un terribile tsunami che si abbatteva sul Giappone. In realtà, anche se si tratta di una bufala, è una mezza verità.
E’ falso che il maremoto si sia verificato nel 2020, come invece reclama il video. Tuttavia, le immagini sono reali, e risalgono allo tsunami che si è abbattuto sul Giappone dopo il violento terremoto dell’11 marzo 2011.

Il motivo per cui queste immagini sono tornate a girare in questi giorni è da ricercare in due episodi. Il primo, è la scossa di terremoto che ha colpito la costa orientale del Giappone lo scorso 19 aprile.

Inoltre, il 21 aprile, un team di esperti del governo giapponese ha rilasciato una proiezione sulle conseguenze di un nuovo terremoto. Se si verificasse una forte scossa nelle acque al largo del nord-est del Giappone, un maremoto con onde alte fino a 13,7 metri potrebbe travolgere la nuova diga anti-tsunami costruita in prossimità della centrale nucleare di Fukushima Daiichi.

Probabilmente, a causa del ritorno alla cronaca di terremoto e tsunami, il video è stato fatto girare per costruire una fake news credibile.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it