L'archivio Indire apre i suoi cassetti per la didattica a distanza

L’archivio Indire apre i suoi cassetti per la didattica a distanza

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Per supportare i docenti nella loro attività didattica “a distanza”, l’Indire ha deciso di lanciare una nuova iniziativa e questa volta lo fa a partire dal suo patrimonio storico. L’Ente, infatti, è uno dei pochi archivi specializzati in Italia nella raccolta e nella valorizzazione di materiale documentario di interesse storico-pedagogico.  Attualmente l’archivio Indire è costituito da circa 95 mila documenti (libri e materiali didattici) e 14 mila fotografie.

Questo materiale costituisce un patrimonio di grande valore non solo dal punto di vista storico, ma anche dal punto di vista “didattico” poiché queste immagini possono diventare risorse per lo studio e l’apprendimento.

Da qui nasce “Cartoline dall’archivio”, una rubrica online che ogni settimana mette a disposizione dei docenti di ogni ordine e grado due immagini corredate da spunti di riflessione e suggerimenti per progettare attività didattiche a distanza con i propri alunni. Attraverso il digitale si genera, così, un filo che unisce la scuola di ieri con quella di oggi dal quale possono scaturire riflessioni e idee in grado di arricchire il percorso formativo dei discenti.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it