Il bizzarro aye-aye, l'animale più brutto -ma dolce- del mondo

Il bizzarro aye-aye, l’animale più brutto -ma dolce- del mondo

Questo strano esserino è a rischio estinzione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Sembra uscito da un film dell’horror, se lo incontri di notte può prenderti un colpo. Certamente madre natura non è stata clemente con l’aye-aye, il bizzarro lemure del Madagascar.

Eppure, nonostante le apparenze, questo simpatico esserino è uno degli animali più dolci del mondo. È una specie a rischio estinzione e risulta il primate notturno più grande del mondo (da adulto ha le dimensioni di un opossum).

L’aye-aye (Daubentonia madagascariensis) tende a stare per fatti suoi ma se incontra l’uomo non lo teme, anzi: si avvicinerà e lo annuserà per studiarlo.
Occhi gialli spalancati, orecchie grandi, incisivi in continua crescita e lunghe dita scheletriche: oggettivamente brutto.

Unico rappresentante del suo genere (l’Aye aye gigante è estinto) oltre al suo aspetto deve fare i conti con un triste destino: è stato, nel corso degli anni, soggetto alla superstizione, che lo ha additato come portatore di sventura e malattia o esecutore del diavolo. Per questa ragione, alcune popolazioni malgasce cacciano e uccidono gli aye-aye. Nessuno sa esattamente quanti esemplari esistano in natura.

L’Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN) classifica gli aye-aye in via di estinzione.

Una curiosità: il personaggio Maurice del film d’animazione Madagascar è un aye-aye.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it