Rabbit Island, in Giappone c’è l'isola dei conigli - VIDEO

Rabbit Island, in Giappone c’è l’isola dei conigli

Oggi disabitata, Okunoshima è casa di migliaia di conigli
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

In principio ne erano due. Poi un esercito.
Se si visita Okunoshima, in Giappone, c’è una regola da ricordare: attenti quando date da mangiare ad un coniglio.

Conosciuta come Rabbit Island, isola dei conigli, la sua caratteristica è, come suggerisce il nome, la presenza di una sovraffollata popolazione di paffuti roditori.

È un mistero come i primi conigli siano arrivati fin lì.

L’isola è stata utilizzata come base segreta per i test con gas letale dall’esercito imperiale giapponese durante la Seconda Guerra Mondiale.

Dal 1929 al 1945, più di 6.000 tonnellate di gas tossico sono state prodotte sull’isola remota, con un programma avvolto nella segretezza.
Per 16 anni, Okunoshima è stata lasciata fuori dalle mappe.

Alcune fonti affermano che i conigli siano stati portati sull’isola per testare gli effetti del veleno e lasciati liberi quando la guerra finì.

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it