Lea Michele è incinta. Un bambino nel 2020 come nel finale di Glee

Lea Michele è incinta. Un bambino nel 2020 come nel finale di Glee

L'attrice aspetta il primo figlio dal marito Zandy Reich
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Lea Michele è incinta “e questo è quello che ti sei perso a Glee”. L’attrice, meglio nota nel ruolo di Rachel Berry nella serie di Fox, aspetta il primo figlio. Il padre è il marito Zandy Reich, imprenditore sposato lo scorso anno.

A confermare il lieto evento sono i media americani. I diretti interessati, infatti, non hanno ancora proferito parola sull’argomento. Secondo quanto rivelato da un insider a Us Weekly, i due “non vedevano l’ora di diventare genitori”

Lea, 33 anni, e Zandy, 37, si sono conosciuti nel 2017 grazie ad amici comuni e da allora sono diventati inseparabili.

Poi, la proposta con un anello disegnato dal futuro sposo insieme a Leor Yerushalmi e The Jewelers of Las Vegas. “Ho sposato il mio migliore amico – ha detto dopo le nozze l’attrice a Us Weekly – ed è la cosa più bella al mondo”.

Lea ha trovato la serenità con Zach dopo la perdita di Corey Monteith, il collega conosciuto sul set di Glee e scomparso nel 2013. “In questo momento della mia vita, mi sento più felice che mai”, aveva aggiunto. Ora la notizia del primo figlio non può che migliorare le cose.

Su Twitter sono tantissimi i commenti e i messaggi di congratulazioni per la coppia e qualcuno più attento fa notare: Lea nei panni di Rachel in Glee era incinta in un flash forward nel 2020, come madre surrogata di Kurt e Blaine.

Sarà una coincidenza? A chi piace sognare risponderà sicuramente di no. Ora si attende solo la conferma ufficiale della gravidanza da parte di Lea e Zandy.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it