2 maggio 1519: moriva a 67 anni Leonardo da Vinci

2 maggio 1519: moriva a 67 anni Leonardo da Vinci

Pittore, scultore, scienziato, musico, esperto di anatomia e di fisica, botanico, architetto, inventore: Leonardo è identificato con l’immagine del Genio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

«Sì come una giornata bene spesa dà lieto dormire, così una vita bene usata dà lieto morire»

ROMA – Il 2 maggio del 1519 si spegneva all’età di 67 anni, presso il maniero di Clos-Lucé ad Amboise, Leonardo da Vinci. Secondo quanto riportato nel testamento, redatto pochi giorni prima della morte ( il 23 aprile del 1519), Leonardo dispose di “voler essere sepolto nella chiesa di San Fiorentino, con una cerimonia funebre accompagnata dai cappellani e dai frati minori, oltre che da sessanta poveri, ciascuno reggente una torcia; richiese la celebrazione di tre messe solenni, con diacono e suddiacono, e di trenta messe ‘basse’, a San Gregorio, a Saint-Denis e nella chiesa dei francescani”.

Pittore, scultore, scienziato, musico, esperto di anatomia e di fisica, botanico, architetto, inventore: superando lo spirito del suo tempo, Leonardo viene oggi identificato con l’immagine del Genio.

Chi era Leonardo da Vinci

Figlio naturale di Piero da Vinci, facoltoso notaio, e di Caterina, donna di umili origini, Leonardo viene accolto nella casa paterna dove crescerà assieme ai fratelli, dimostrando sin da giovane il proprio talento pittorico. Racconta il Vasari nelle sue Vite:

“Veramente mirabile e celeste fu Lionardo, figliuolo di ser Piero da Vinci (…) Dette alquanto d’opera alla musica (…). Nondimeno, benché egli a sì varie cose attendesse, non lasciò mai il disegnare et il fare di rilievo, come cose che gl’andavano a fantasia più d’alcun’altra. Veduto questo ser Piero e considerato la elevazione di quello ingegno, preso un giorno alcuni de’ suoi disegni, gli portò ad Andrea del Verrocchio, ch’era molto amico suo, e lo pregò strettamente che gli dovesse acciò da quella come da modello, imitandolo, possiamo accostarci con l’animo e con l’eccellenzia dell’intelletto alle parti somme del cielo”.

Era un uomo poliedrico l’artista di Vinci e lo dimostrano l’immenso patrimonio di studi e opere che ci ha lasciato, oltre alla lettera in cui, nel 1482, si presenta a Ludovico il Moro, signore di Milano.

Leonardo da Vinci, la curiosità: era ambidestro

Leonardo da Vinci era ambidestro e scriveva e dipingeva con entrambe le mani: sia la sinistra, per lui la principale, sia la destra. La conferma, definitiva, arriva dall’analisi portata avanti su quello che da molti è considerato il primo disegno dell’artista, datato 5 agosto 1473. Per approfondire clicca qui

Il film dedicato a Leonardo da Vinci

All’artista è stato dedicato nel 2016, anche il film “Leonardo da Vinci. Il Genio a Milano”. La pellicola esplora il soggiorno cittadino dell’artista, offrendo la chiave per trasformare in quadri cinematografici i numerosi scenari leonardeschi di Milano: il Castello Sforzesco, il Museo della Scienza e della Tecnologia ‘Leonardo da Vinci’, la Basilica di Santa Maria delle Grazie, i Navigli, la Vigna di Leonardo sino al celebre Cenacolo. Nel film vengono mostrate e raccontate opere come La Belle Ferronnière, la Dama con l’ermellino, la Vergine delle Rocce, il Ritratto di musico, il San Giovanni Battista, l’Ultima Cena.

Leonardo Da Vinci – Il genio a Milano. Al cinema dal 2 al 4 maggio (clip 1)
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it