VIDEO | Trento, maestra a bambini: "Mi mancate, vi racconto una storia"

VIDEO | Trento, maestra a bambini: “Mi mancate, vi racconto una storia”

L'iniziativa di Maria Filagrana, insegnante della scuola primaria di Ronzo Chienis
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Un video e una storia per i suoi alunni, “per dire loro che dobbiamo essere forti e che nonostante tutto la vita è più forte”. È l’iniziativa di Maria Filagrana, insegnante di matematica e scienze della scuola primaria di Ronzo Chienis, piccola comunità montana del Trentino dove “tutto è stato chiuso anche se siamo uno dei 9 comuni della regione a non avere registrato casi di contagio da coronavirus”.

Il video si intitola ‘La primavera di Giosuè’ e racconta la storia di un bambino che scopre di poter mescolare i colori primari e così dare vita a un “un arcobaleno di colori” per rappresentare “la primavera che nel frattempo era arrivata. Una primavera un po’ strana, però, perché tutti erano chiusi in casa”.

Giosuè infatti si trova in quarantena mentre decide di costruire un aquilone, di colorarlo con i suoi nuovi colori e di chiedere a tutti i suoi compagni di fare lo stesso. “Da quel primo giorno di primavera il cielo si riempì di aquiloni, ogni bambino del mondo ebbe il suo e nessuno fu più triste”, racconta la maestra Maria, come la chiamano i suoi 18 alunni dell’istituto comprensivo ‘Mori’ di Brentonico.

“L’idea mi è nata mentre guardavo i fiori nel mio giardino- spiega la maestra- Li vedevo sbocciare e pensavo che la vita continua, così come la primavera che arriva a dispetto di tutto. Siccome sentivo la mancanza dei miei alunni ho pensato di fare questo semplice video, per trasmettere un messaggio di forza. Ma la cosa più bella per me è stata la risposta dei bambini, che mi ha commossa. Ognuno ha veramente realizzato un aquilone e con l’aiuto dei genitori tutti hanno girato un video per mostrarmelo”. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it