Sanremo 2021, Amadeus e Fiorello verso il bis alla guida del Festival

I due amici hanno anticipato quello che potrebbe essere in una diretta Instagram
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Manca l’ufficialità ma Amadeus e Fiorello sembrano già prontissimi a tornare insieme sul palco del Festival di Sanremo per l’edizione 2021. I due amici di sempre, in una diretta Instagram, hanno affrontato l’argomento che, già dalla conclusione della settantesima edizione della kermesse, tiene tutti sulle spine.

È Amadeus ad arrivare subito al punto:

“Se tutto fosse stato normale, probabilmente rifare Sanremo  è andato bene l’anno scorso… è sempre rischioso. Questa situazione, drammatica per tutti, è come se avesse azzerato tutto. È come se, in realtà, fosse non il secondo ma il primo dopo il Coronavirus. Probabilmente, sarà il primo momento di aggregazione dopo che passeremo un inverno senza pubblico in studio, senza poter andare al cinema se non forse a Natale, senza concerti, senza teatro. Sarà il primo momento di aggregazione dell’Italia, dei cantanti. Dire di no mi sembra scorretto. È come se ci fosse un ponte tra l’ultimo momento felice che è quello di febbraio al prossimo momento felice con la musica, con il pubblico in un teatro che è quello di Sanremo. Sarei felice di farlo e sarei l’uomo più felice al mondo se ci fossi anche tu“.

Il conduttore getta la bomba e non anticipa nulla anche perché, come ricorda, “siamo solo al 5 maggio”, ma, nel corso della chiacchierata, lascia intendere che la discussione sul prossimo Festival è già stata avviata:

Penso. Scrivo. Butto giù appunti. E per fortuna siamo in largo anticipo rispetto all’anno scorso quando ho ufficialmente saputo che avrei condotto il Festival solo ad agosto”.

Difficile dire se Sanremo si farà a febbraio 2021 o più avanti. L’incertezza regna ancora sovrana ma Fiorello accoglie, in qualche modo, l’invito del collega. “Ci devo pensare” dice, per poi anticipare più tardi:

“Che faccio? È pesante fare Sanremo, te ne dicono di tutti i colori. Non ho il carattere giusto, eppure l’ho fatto. Amadeus mi ha convinto e mi convincerà pure stavolta. Potrebbe essere l’ultima cosa. Faccio Sanremo, come va va, e chiudo la carriera”.

Spazio all’ironia nella lunga diretta. Così, spunta l’ipotesi di un aggiornamento di cariche alla guida del Festival con tanto di paragone: “Tu sei il presidente del Consiglio e io sono il Di Maio del Festival”, immagina Fiore. E l’idea di fare un Sanremo di reunion dopo l’esperienza con i Ricchi e Poveri. Restano da riportare sul palco insieme Benji e Fede, freschi di break up, i Lunapop, gli 883, gli Articolo 31, le Lollip e anche – perché no – gli Oasis.

Fiorello scherza e lancia dubbi ma una cosa è certa. “Se dovessi venire a Sanremo, tu faresti tutto quello che ti chiedo, anche abbassarti i pantaloni?”, chiede lo showman ad Amadeus. “Sì, giuro, lo faccio, qualsiasi cosa”, risponde ridendo il conduttore. La prima proposta è già pronta: “Prepara delle mutande presentabili con la scritta Ariston”

Il video completo

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da Rosario Fiorello (@rosario_fiorello) in data:

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Giusy Mercadante
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it