Cina, Disneyland Shanghai riapre le porte con misure anti Covid-19

La vendita dei biglietti è disponibile solo online
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Numero di ingressi ridotti, distanziamento sociale e prenotazione dei biglietti obbligatoria. Sono alcune delle misure introdotte da Disneyland Shanghai, in Cina, che ha riaperto le porte al pubblico l’11 maggio dopo uno stop di circa 3 mesi.
Quello di Shanghai era uno dei 14 parchi a tema del franchise chiusi a causa dell’emergenza Covid-19.

Oltre ad aumentare la frequenza di sanificazione del parco, l’organizzazione ha impostato alcune norme per garantire la sicurezza della struttura.
La vendita dei biglietti è disponibili solo online, tramite i canali ufficiali e partner, si legge in un comunicato, con un numero limitato di ticket disponibili ogni giorno. La maggior parte delle attrazioni, di alcuni spettacoli e dei luoghi di shopping e ristorazione ha ripreso le attività, con presenze controllate. Altre esperienze, come aree giochi per bambini e spettacoli teatrali, rimarranno chiuse per il momento.

Per rispettare le distanze sociali, sfilate e spettacoli notturni torneranno in un secondo momento.

Gli ospiti di Disneyland Shanghai, inoltre, devono sottoporsi a procedure di screening della temperatura all’arrivo e indossare una mascherina per tutto il tempo di permanenza.

Maggiori dettagli sono disponibili sul sito del parco.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

Autore: Gloria Marinelli
Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it