I sistemi scolastici europei al traguardo del 2020

I sistemi scolastici europei al traguardo del 2020

L'analisi comparativa nel nuovo Quaderno di Eurydice Italia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Con il Quadro per la cooperazione europea nell’istruzione e nella formazione ET 2020, l’UE si è data dieci anni fa quattro obiettivi strategici cui puntare entro la fine di quest’anno: la realizzazione concreta dell’apprendimento permanente e della mobilità; il miglioramento della qualità e dell’efficacia dell’istruzione; la promozione dell’equità, della coesione sociale e della cittadinanza attiva; l’incoraggiamento della creatività e dell’innovazione (imprenditorialità compresa).

Oltre ai macro-traguardi, anche cinque target, fra cui l’abbandono precoce dei sistemi di istruzione e formazione al di sotto del 10%; una percentuale di diplomati dell’istruzione terziaria di almeno il 40%, la partecipazione all’educazione e cura della prima infanzia di almeno il 95% dei bambini, una percentuale di quindicenni con scarse competenze di base al di sotto del 15%, la partecipazione all’apprendimento permanente di almeno il 15% degli adulti.

Nell’anno in cui è d’obbligo tirare le fila, il volume I sistemi scolastici europei al traguardo del 2020, curato dall’Unità italiana della rete Eurydice, offre un’interessante sintesi dei dati, utile a far capire a che punto siamo arrivati in Europa. La pubblicazione propone un’analisi comparativa, facilmente fruibile grazie a una serie di grafici, dei passi avanti compiuti nei singoli Paesi rispetto ai target UE e descrive i vari sistemi scolastici con schede nazionali che ne presentano gli aspetti strutturali dal livello pre-primario al secondario superiore.

Com’è messa l’Italia rispetto ai target UE?

All’Italia è dedicata un’intera parte del rapporto. Del nostro Paese si presentano i progressi fatti dal sistema di istruzione e formazione, in relazione ai target ET 2020, dal 2009 al 2018, mettendo i dati a confronto con la media europea.

Per dare un’idea di come ci siamo comportati, possiamo affermare in estrema sintesi, ad esempio, che rispetto all’abbandono precoce dei percorsi di istruzione e formazione, nei dieci anni considerati il tasso è andato via via a diminuire (ma nell’ultimo anno è lievemente risalito, attestandosi al 14,5% contro il 10,6% della media europea). Il tasso di abbandono maschile è molto più elevato rispetto a quello femminile, come lo è nelle regioni del Sud rispetto a quelle del Nord. Migliori risultati al Nord si rilevano anche nelle competenze di base dei quindicenni. Non positivo è il dato sui diplomati dell’istruzione superiore: con il suo 27,8%, l’Italia si posiziona al penultimo posto in Europa, dove la media nel 2018 è del 40,7%. Risulta bassa anche la partecipazione all’apprendimento permanente da parte degli adulti (8,1% nel 2018, contro la media europea dell’11,1%).

Va tutto bene invece per quanto riguarda la partecipazione degli alunni di 4 anni all’educazione e cura della prima infanzia, target che l’Italia ha raggiunto e superato (95,1% nel 2018).

Leggi l’approfondimento a cura di Alessandra Mochi, Eurydice Italia

Vai al volume “I sistemi scolastici europei al traguardo del 2020” (pdf)

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it