Reggio Emilia, le favole a distanza del professore Alex Ferrari

Reggio Emilia, le favole a distanza del professore Alex Ferrari

Ogni venerdì alle 18 appuntamento fisso con Gianni Rodari
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Aperitivo con le ‘Le favole al telefono’ di Gianni Rodari. L’appuntamento è fissato per ogni venerdì alle 18. Da una parte dello schermo c’è Alex Ferrari, docente di italiano all’istituto per i servizi socio sanitari ‘Galvani-Iodi’ di Reggio Emilia, dall’altra ci sono i suoi ragazzi, gli studenti della 1D che frequentano l’indirizzo socio educativo.

L’idea è nata al professore che ha pensato come questo libro, ai tempi del coronavirus, potesse essere una volta di più attuale. Il docente aveva letto più volte ‘Le favole al telefono’ e dopo qualche ricerca nella sua libreria ha subito ritrovato il testo del maestro Rodari.

A dire il vero il progetto didattico era partito prima dell’emergenza quando il dipartimento di lettere aveva progettato una programmazione centrata sulla narrazione, in particolare sull’elaborazione e la rappresentazione di una fiaba per bambini tra i tre e i sei anni. Il professor Ferrari ha parlato da subito alla classe del valore formativo ed educativo della narrazione.

Il docente si è accorto che i suoi alunni non avevano mai sentito molte favole note. Da qui l’idea di proseguire anche da casa, attraverso i mezzi messi a disposizione per le lezioni a distanza. La prima D ha così avuto l’occasione di ritrovarsi con il loro insegnante per ascoltare e commentare insieme ‘Le favole al telefono’.

L’appuntamento è fisso: ogni fine settimana alle 18 tutti si collegano e aspettano il racconto del professore. E nonostante l’iniziativa non fosse obbligatoria, sono in tanti ad aderire alla proposta fatta dalla scuola. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it