Catania, studenti del liceo Galilei interpretano i capolavori dell'arte

VIDEO | Catania, studenti del liceo Galilei interpretano i capolavori dell’arte

Imparare entrando in un dipinto e immedesimarsi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Una galleria d’arte virtuale, in cui ammirare i ‘tableaux vivants’, i ‘quadri viventi’, ispirati ai grandi classici della storia dell’arte è il progetto realizzato dagli studenti di III N del liceo scientifico ‘Galilei’ di Catania. Dai ritratti di Caravaggio a ‘I Musicisti’ di Botero, dagli autoritratti di Van Gogh, Degas, Escher a ‘L’urlo’ di Munch passando per i dipinti di Botticelli, Magritte, Warhol sono alcune tra le opere interpretate ed immortalate in scatti fotografici dai ragazzi del liceo siciliano, guidati dalla loro docente di storia dell’arte e disegno Roberta Teresi:

“L’idea di realizzare una mostra virtuale– ha spiegato a Diregiovani- è nata a completamento del percorso didattico svolto quest’anno. I ragazzi sono stati grandiosi, hanno studiato e approfondito tutti i musei dove sono collocate le opere selezionate. Si tratta di laboratori che facciamo spesso a scuola, in cui gruppi di studenti interpretano opere artistiche, ma che adesso ho voluto riproporre a distanza per coinvolgerli in un’attività didattica piacevole e stimolante”.

Pittura, fotografia, teatro sono le forme espressive di cui gli studenti si sono serviti per ricreare l’atmosfera del dipinto scelto ed interpretarlo. In alcuni casi, le foto sono state ritoccate per riprodurre la luce, i colori del dipinto e rendere il lavoro più verosimile possibile all’originale. La drammatizzazione dei ritratti è stato l’ultimo tassello di un percorso scolastico già avviato:

“Dopo la scelta dell’artista e dell’opera– ha specificato Roberta Teresi- i ragazzi ne hanno approfondito lo studio per cogliere i caratteri salienti ed immedesimarsi in essa. Hanno creato un power- point con la raccolta di schede tecniche ed hanno recuperato i materiali necessari per riprodurre la scena da fotografare”.

“L’obiettivo del laboratorio d’arte- ha concluso la docente- è stato quello di imparare facendo, dando ai partecipanti la possibilità di entrare in un’opera d’arte, comprenderne la composizione, la luce, i colori, le espressioni e diventarne i protagonisti, prendendone parte”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it