Al via la tre giorni dedicata alla didattica del futuro

Al via la tre giorni dedicata alla didattica del futuro

La ministra Azzolina agli studenti: "Vostre idee per ripartire"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Gare, confronti e dibattiti per parlare della scuola del futuro. Ha preso il via stamattina, #Scuolafutura, la prima maratona online della scuola italiana, all’insegna dell’innovazione che fino al 20 maggio vedrà sfidarsi e confrontarsi, in 72 ore di gare e 2 hackathon, 250 studenti e studentesse di 41 scuole provenienti da 60 città italiane, suddivisi in 27 squadre.

“Oggi comincia una tre giorni davvero speciale. Una gara di idee in cui voi, ragazze, ragazzi, metterete nero su bianco le vostre proposte per la scuola che verrà. La immaginerete dal vostro punto di vista. Che, poi, è quello più importante, perché la scuola è per voi, per gli studenti- ha sottolineato la ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, nel saluto rivolto ai partecipanti in un video messaggio- Ci direte, con i vostri progetti come dovrebbero cambiare, secondo voi, gli spazi scolastici e la didattica, come usereste le tecnologie a scuola, anche alla luce di questo periodo che abbiamo vissuto”.

L’iniziativa rientra nell’ambito delle attività del ministero dedicate alla scuola digitale e all’innovazione didattica, e ha come obiettivo quello di portare anche le idee degli studenti al centro del dibattito sulla scuola che verra’ dopo l’emergenza sanitaria. A questo proposito, la ministra ha ricordato il sacrificio e la capacita’ di adattamento dimostrati dai giovani durante la pandemia:

“avete affrontato l’emergenza adattandovi a una scuola davvero diversa rispetto a quella a cui eravate abituati. Siete stati spesso d’esempio per noi adulti. Torneremo alla normalità. Al ministero- ha concluso- lavoriamo ogni giorno, dall’inizio della pandemia, per questo obiettivo, mettendo voi, gli studenti, al centro dei nostri progetti”. 

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it