Roma, al liceo Cavour il progetto dell'IdO sul rispetto delle differenze

Roma, al liceo Cavour il progetto dell’IdO sul rispetto delle differenze

Riflessioni con gli studenti su bullismo, razzismo e omofobia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Una serie di incontri, visioni di film e dibattiti per riflettere su tematiche come l’omofobia, il razzismo, il bullismo e il cyberbullismo. È durato vari mesi il progetto ‘Aggressività e conflitto’ dell’Istituto di Ortofonologia (IdO) che ha coinvolto una classe prima del liceo ‘Cavour’ di Roma, dove l’IdO offre uno sportello d’ascolto psicologico. Il progetto ha intrecciato la tematica del bullismo, con l’incontro con la Polizia Postale, riflessioni sul razzismo e l’antisemitismo a seguito della visione del film ‘Jo Jo Rabbit’ e della visita al quartiere ebraico di Roma.

E ancora momenti di riflessione in classe sull’omofobia e gli stereotipi legati ai generi e all’orientamento sessuale. Divisi in gruppi, i ragazzi hanno svolto ulteriori ricerche sulle tematiche affrontate e hanno poi realizzato un elaborato finale, scegliendo fra uno scritto di tipo creativo, cioè una favola per bambini o un racconto fantastico per ragazzi, o uno di tipo espositivo-argomentativo su uno dei tre fenomeni studiati. Il progetto mirava a far capire ai ragazzi e alle ragazze che alla base dei vari fenomeni c’è una stessa matrice: la paura e l’esclusione del diverso.

“Anche l’omofobia è una forma di razzismo, ma ciò secondo me viene ignorato- scrive Stefano– Sono ancora molte le persone e le famiglie che sono vittime di questa discriminazione. Servirebbe una legge che punisca questi reati come è stato fatto per il razzismo: spero che questo vuoto normativo possa essere colmato il prima possibile”.

“Sono tre fenomeni con nomi diversi ma con la stessa radice: la mancanza di rispetto per le diversità altrui– scrive Beatrice- bisognerebbe che tutti capissero che ognuno è unico e ciò non può che arricchire la società e quindi tutti noi”.

I lavori sono pubblicati sul giornale online ‘La scuola fa notizia‘ promosso da diregiovani.it.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

Le notizie del sito diregiovani sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «diregiovani.it» e l'indirizzo “ www.diregiovani.it